Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
signoradeifiltri.blog (not only book reviews)

moda

L'abito come specchio dell'anima

20 Settembre 2018 , Scritto da Cinzia Diddi Con tag #cinzia diddi, #moda

 

 

 

 

 

È un piacere per l'anima, ma anche per gli occhi vedere i miei abiti indossati dalla Bellissima Stefania  Orlando.

Per poter attribuire un look appropriato, tutto parte dallo studio della persona, dalle caratteristiche fisiche e caratteriali, dalla professione che svolge, bisogna capire i colori che la valorizzano.
Insomma, l'abito per essere indossato con disinvoltura non deve snaturare, deve  essere una seconda pelle.
Per me vestire qualcuno non vuol dire creare accostamenti fashion, è qualcosa di più profondo, l'abito deve rispecchiare la personalità di chi lo indossa e, attraverso la scelta dei colori e dei tessuti, farne emergere il mondo interiore.
L'aspetto esteriore deve, per  un principio di coerenza, necessariamente rispecchiare la fragranza internaLo scriveva Kandinskij nel 1912 “come il mondo, come il cosmo, l’uomo consta di due elementi: l’interiorità e l’esteriorità. La compiuta armonia è il supremo equilibrio dell’interiorità e dell’esteriorità, ossia del contenuto e della forma”.

Stefania Orlando è una donna  ironica, molto solare, professionale, rigorosa, la sua anima è gentile, dotata di grande umiltà, quell'umiltà che caratterizza chi è veramente virtuoso e dotato di saper fare, chi profuma di competenza e non ha bisogno di ostentare. 
Sono partita da queste sue caratteristiche e l'outfit è emerso da solo.
Abiti bizzarri negli accostamenti, ironici, affatto scontati ma, al tempo stesso, non baldanzosi, dai colori rigorosi... il tocco di brio: intarsi in pelle, rifinitura in struzzo sulle maniche che creano un gioco di contrasto con la rigorosita' del colore usato ... il grigio.

Ma per lei, oltre all'immancabile nero, ho utilizzato anche colori sgargianti ... come quello dell'abito che indossa nella foto... e poi altri colori ma li scoprirete seguendola.
Gli abiti prevalentemente corti da unire a stivali alti in pelle, ma anche pantaloni palazzo in lurex e scamiciata giromanica con lunga coda quasi fosse un tight.
Il risultato: una donna elegante, comoda nelle vesti che indossa, femminile e grintosa.

È un piacere per l'anima ma anche per gli occhi vedere i miei abiti indossati dalla bellissima Stefania.

Cinzia Diddi

Mostra altro

Una vecchia che balla

12 Settembre 2018 , Scritto da Patrizia Poli Con tag #poli patrizia, #moda

 

 

 

 

Mi faceva veramente molta fatica fotografare i vestiti e caricarli sul blog, per questo ho interrotto i post sull’argomento “nuovi acquisti nel guardaroba”. Ma la moda, insieme a tante altre cose, rimane uno dei miei interessi, quindi da oggi ne parlerò senza fotografie. Ne parlerò come se parlassi a me stessa, cosa che, in effetti, faccio sempre mentre scrivo.

L’altro giorno la mia nipotina di cinque anni mi guarda scuotendo la testa: “Una vecchia che si mette i jeans”, dice. Ebbene sì, che piaccia o no alle nuove leve, metterò i jeans fino all’ultimo dei miei giorni, specialmente quelli elasticizzati che sono tanto comodi e modellano anche un po’ le trippe debordanti.

Sì, perché, dall’ultimo post di moda, ho guadagnato altri chili, in questa escalation che non finisce mai. Ora mi sento molto elefantessa gonfia, balena spiaggiata. Comprare vestiti è ormai un gesto compulsivo, non me li vedo neppure addosso, evito lo specchio come la peste.

Anche perché sono sempre di corsa. “Eh, ma tu non lavori più, quindi non hai niente da fare” mi dicono. Io sospiro e sto zitta. Una casa, un marito, un cane, quattro gatti (anche i felini si moltiplicano come i chili), due nipoti, una mamma anziana, le lezioni di agility dog, la palestra, un blog collettivo e la scrittura. Infatti, niente.

Allora, i jeans. Quest’anno usano carinissimi, con ricami sul fondo o bande laterali, con applicazioni e gli immancabili strappi. Con una scarpa giusta e una camicetta un po’ lunga sarete a posto giorno e sera. Non vi sovraccaricate di monili se i calzoni sono già lavorati, scegliete forme adatte al vostro corpo, vestitevi con una taglia in più, in modo scivolato e morbido, non comprate pantaloni skinny o slim bensì regular.

Ah, ho saputo che il blu sarà il colore dell’inverno e sarà chic abbinarlo al nero che lo illumina e lo raffina. A bientôt.

Mostra altro

Arena del mare di Sapri… scenario unico di arte, musica e spettacolo

22 Agosto 2018 , Scritto da Daniela Lombardi Con tag #moda, #musica, #eventi, #televisione


 

 

 

La storica arena, da sempre protagonista di grandi eventi, si impreziosisce dei colori della moda e si inebria sulle note della musica di grandi artisti della scena nazionale e internazionale. Ad aprire la serie di spettacoli ci sarà il grande concerto di Nino D’Angelo il 20 Agosto e, a seguire, il giorno dopo, sullo stesso palco il grande evento di moda sotto le stelle, dove sfileranno i capolavori di Alta Moda e di Abiti da Sposa del celebre stilista Mimmo Tuccillo, protagonista dei grandi eventi della Moda Italiana e stilista di famosi personaggi dello spettacolo e della televisione. Le sue illustri firme, abbellite da pregiati pizzi e ricercati cristalli, saranno accompagnate dal peculiare e grande lavoro dell’hairstylist “Nicola Mariani” e “Lineaemme” e dai gioielli di luce di “Luce di Pegaso”. Essi contribuiranno a creare delle opere d’arte che sfileranno in passerella sotto gli occhi di centinaia di persone. La serata sarà allietata dall’intervento di artisti dello spettacolo, tra cui l’ambasciatrice della musica napoletana nel mondo, la grande Anna Merolla e il famoso Giosuè Bernardo del gruppo “Nojazz”, e dalla presenza della dilettevole Maria Bolignano, regina del cabaret direttamente da Made in Sud. Esibizione di spicco sarà quella del giovane cantante italiano di bachata “Cosimo”, che, dopo la sua partecipazione canora ai mondiali in Russia, si fa portavoce nella sua terra della musica latina che gli ha permesso di conquistare il pubblico della bachata, e non solo, in giro per il mondo e, in tale occasione, presenterà il suo nuovo singolo Tormento
Ma le sorprese non finiscono qui, numerosi saranno gli ospiti che prenderanno parte all’evento e lo renderanno unico nel suo genere… però non sveliamo i particolari!

Mostra altro

Sfilata sotto le stelle

12 Luglio 2018 , Scritto da Daniela Lombardi Con tag #moda, #eventi

 

 

 
 
 
Giovedi 12 luglio, evento super mondano organizzato a Villa Petrischio, location con vista mozzafiato, di Diletta Cecconi e Gabriele Ricci. Circondato da un parco di tre ettari di pini secolari e cipressi, il Relais gode di un’incantevole vista sulla Valdichiana. In questo lussuoso  ed esclusivo contesto  si svolgerà l’evento moda della stilista pratese Cinzia Diddi che presenzierà l'evento.
Una sfilata interamente dedicata alla DONNA.
Abiti lunghi, lussuosi, carichi di paillettes, e giochi di trasparenze.
 
 
Perché questo evento ?
 
Si tratta di un evento che in qualche modo è stato organizzato per concludere l'estate, ma che farà da apripista a future manifestazioni dedicate alla donna e alla sua salvaguardia e protezione.
Ho volutamente scelto di far sfilare una dozzina di abiti da sera e da cerimonia, si tratta del mio singolare modo, per AFFERMARE che la DONNA va celebrata SEMPRE, ma soprattutto attraverso i mezzi che ho a disposizione, il mio lavoro.
È un tema che mi sta molto a cuore, sensibilizzare in qualunque modo mi sia possibile, e sfruttare ogni occasione, per ribadire che è necessario educare al rispetto della donna.
È un tema sociale importantissimo e di grande emergenza.
Questa sfilata è indiscutibilmente e unicamente dedicata alla DONNA .
Ho voluto legarvi questo tema sociale di grande importanza e che merita tutta l'attenzione possibile.
Le mie, sono iniziative volte alla sensibilizzazione, affinché uomini e donne comprendano che, insieme, possono avviare il processo di cambiamento culturale necessario perché  episodi di violenza non si ripetano.
Sicuramente ci sarà chi sosterrà che non è con una sfilata che cambieranno le cose, a queste persone rispondo con un invito a promuovere anch'esse delle azioni piuttosto che delle critiche o polemiche, perché è la somma delle piccole azioni che crea degli importanti cambiamenti.
 
 
Chi si è occupato dell'organizzazione della serata?
 
 
Un noto vocalist, conosciuto e stimato, con cui collaboro da un po' di tempo e che ho avuto modo di apprezzare per la sua professionalità e coinvolgente energia.
Il vocalist, Niko Mammato, è uno dei migliori vocal performer del jet set italiano.
A Villa Petrischio è il direttore artistico del giovedi sera, uno speciale evento che ha inizio alle 19:00 e prevede musica e drink in una incantevole location da favola.
Il giovedì sera a Villa Petrischio è solo... LUX!
Mi ha entusiasmato creare un connubio tra l'eleganza dei miei abiti da sera e la modernità propria di un aperitivo accompagnato da musica da discoteca.
E' in un’atmosfera particolare dei primi anni del ‘700 - poiché la villa appartiene a questo periodo, insieme a musica  da discoteca, grande contrasto che riporta ai tempi attuali - che ho deciso di catapultare i miei  invitati, in una seducente performance con modelle che indossano abiti ormai cult di desiderio, eccentricità e alto tasso di seduzione. Sensazioni e profumi dal sapore ‘dannunziano’ che mischiano antiche e moderne seduzioni .
 
 
Perché  ha scelto villa Petrischio come location?
 
Mi è stata proposta da Niko Mammato, direttore artistico per tutta l'estate fino ad agosto, dell'apericena del giovedi organizzato in questo magico posto.
La villa, costruita sulla collina più alta di Farneta, mantiene le caratteristiche originali dell'architettura dell'inizio del XVIII secolo, con la colombaia tipica e con all'interno gli archi di mattoni e i soffitti a travi. Le camere hanno nomi di personaggi femminili mitologici, questo è un particolare che mi ha molto colpito.
Dove, se non qui, potevo organizzare una sfilata di moda dedicata alla DONNA?!
 
 
Gli abiti che lei propone sono eleganti e raffinati, quando si indossa un abito lungo?
 
L'abito lungo è sinonimo di eleganza da sempre ed è spesso associato nell'immaginario collettivo a cene di gala, cerimonie, manifestazioni o serate importanti, tutti eventi in cui l'abito occupa un ruolo di primaria importanza. L'abito lungo è per antonomasia inteso come l'abito elegante da sfoggiare nelle serate importanti e nei gran galà. In realtà non vi è nulla di più falso. L'abito lungo può interpretare varie esigenze a seconda della stagione, dell'evento e del tipo di abito. Vi sono infatti abiti lunghi  davvero molto eleganti ed abiti lunghi sportivi e casual .
L'abito lungo è adatto, a mio avviso, proprio per ogni occasione, l'importante è scegliere il modello giusto e lo stile adeguato. 
E' ovvio che per una serata importante si tenderà a scegliere un abito lungo ed elegante, magari in raso di seta o in tessuto pregiato di altro genere, con paillettes, strass o Swarovski.
Vediamo più nello specifico le situazioni in cui indossare un abito lungo.
 
CERIMONIE - Quando si pensa ad un abito lungo elegante immediatamente lo si associa a una cerimonia importante, come ad esempio un matrimonio. In tal caso però è bene sapere che esso va indossato nel caso in cui il matrimonio sia serale. Scegliete un modello adatto al vostro fisico: quelli stretti e con bustier non si adattano a chi ha una bassa statura, mentre lo stile impero dona a tutte perché copre le rotondità e slancia la figura. I colori da scegliere sono quelli dalle tonalità pastello. L'etichetta dice che il nero è da bandire, a mio avviso, l'unico veramente vietato  in questa circostanza è il total White.
 
PARTY ESTIVI - Estate... Tempo di party all'aperto o magari a bordo piscina. Essere semplici ed eleganti è fondamentale e un abito lungo è l'ideale. In tali occasioni sono da prediligere le tonalità pastello per mantenere una certa sobrietà e un vestito dalle linee morbide magari tenuto con un un cinturino in vita. Un suggerimento: personalizzate e valorizzate il vostro outfit con accessori più ricercati, bracciali e collane anche particolarmente eccentriche e vistose.
 
SERATE  DI GALA -   Le serate di gala possono essere un evento più unico che raro. Per tale motivo occorre prepararsi al meglio. In tale occasione è doveroso indossare un abito lungo che valorizzi la vostra figura. Non eccedete con le scollature. Via libera a lustrini o paillettes (senza esagerare) Abbinate una pochette e sarete impeccabili per la serata. 
 
Se la vostra serata di gala si svolge a bordo di una crociera (in crociera c'è il galà di Benvenuto e il galà di Arrivederci), un abito lungo può essere tranquillamente indossato. A differenza della prima situazione, tale occasione non necessita di un abito eccessivamente formale ed elegante.
 
Ma l'abito lungo può essere indossato anche in occasioni meno formali.
 
PASSEGGIATE - utilizzate capi semplici, leggeri e comodi da indossare che poi sono i più adatti nelle calde giornate estive anche per una semplice passeggiata, magari in riva al mare. Possono essere indossati con dei sandali bassi o modello schiava. Si al colore, si alle fantasie.

 

Mostra altro

 I DETTAMI DELLA MODA DELL'ESTATE 2018  

12 Giugno 2018 , Scritto da Cinzia Diddi Con tag #moda

 

 

 

 

 

 

Cosa ci detta la Moda in questa stagione primavera/estate 2018?

 

La parola d'ordine della stagione?

Divertirsi combinando tonalità diverse per giochi di contrasto, con le più svariate gradazioni di una tinta, o ancora ritrovare la stessa identica nuance su capi e accessori da combinare tra loro in total look, per un risultato all'insegna dell'allegria.
Il messaggio della moda primavera estate 2018 è contrastare il grigiore dell'inverno.

Questa è la stagione/moda in cui ognuno può veramente riuscire a trovare il proprio stile, avvicinandosi a quelli che sono i propri personali parametri di gusto.

 

Quali sono le maggiori tendenze?

 

Non emergono vere e proprie tendenze nette, guadagna la scena il pois ma anche la riga, gli accessori micro ma anche macro, i capi d'abbigliamento oversize ma anche slim,  sia per l' uomo che per la donna.

Gli outfit maschili giacca+pantalone sono declinati nei colori moda più accesi, così come i vestiti lunghi, e i vestiti corti diventano delicati abiti giorno-sera carismatici e deliziosi. Basta poi un paio di sneakers per donare un  sapore casual chic, pratico, e una delicata e agrodolce nota glamour.

Le più comode tra le scarpe camminano sulla pedana fashion della stagione calda, per aggiungere un tocco di leggerezza e di contrasto anche agli outfit, sia uomo che donna, più eleganti e sofisticati.

Grande conferma dalla precedente stagione è la tendenza glitter e paillettes, per poter brillare, brillare, brillare!

 

Calze e calzini
 

Anche in estate, e soprattutto in primavera, potrete sfoggiare: collant, calze, parigine, calzettoni e affini. Meglio se in versione coloratissima. 

 

Gioielli plexi

 

Niente metalli o pietre preziose, il plexi trionfa e prende vita in bijoux scenografici

 

Piume e frange

 

Si riconfermano di grande tendenza in molte forme diverse. Non solo per gli accessori, ma anche per abiti e scarpe. Insomma mettete le piume sui vostri abiti!

 

Abito lungo 
 

Le gonne e gli abiti preferiscono le lunghezze sotto la caviglia, perfetti con strascico e se toccano il pavimento.

 

Pois vitaminici
 

Verde, rosa, fucsia e rosso. C’è anche il bianco e nero, per chi non ama osare.

 

I tessuti a righe 

 

In questa primavera- estate emerge tanto il pois quanto le righe.

Il dilemma sulle righe che ingrassano o no, meglio verticali o orizzontali, piccole o ampie; sappiate che va dimenticato. La moda primaverile vuole assolutamente la riga in tutte le sue forme e per tutti i tipi di donne e uomini.

 

Pizzo bianco

 

Candido e prezioso il pizzo bianco adorna abiti mini e lunghi, da giorno e da sera

 

Quali sono i colori protagonisti?

 

I colori vitaminici e intensi al punto da non passare inosservati. Ma  anche delicati in sfumature pastello. Purché portino allegria e vivacità.

I colori più cool sono il blu cobalto e notte, le tinte agrumate, il rosa in tutte le nuance, dal  cipria allo shocking, il viola, il ruggine e il verde acqua.

Il colore di moda per l' estate 2018 in assoluto è il giallo. Perfetto se indossato in total look, energico se abbinato ad altri colori quali l'arancio o il rosa.

New entry per questa primavera  è il viola elettrico detto ultra violet ma anche tutte le sue sfumature di colore. Quindi via libera a lilla e glicine da unire al beige, al bianco e al rosa pesca.

Ma, nella vasta gamma cromatica non mancheranno il rosso, colore che personalmente amo perché esprime sentimenti forti, gli intramontabili bianco e nero e il nude. E poi ancora l' argento effetto metal.

Grande protagonista è la borsa sia su outfit femminili che maschili. Anche le borse hanno tanta voglia di apparire. E nessuna intenzione di starsene in secondo piano. Sono morbide, rigide, maxi, mini e medie. Sono fantasiose e vistose. Ironiche e giocose. Ma anche classiche, intramontabili in tinta unita purché non passino inosservate.

A TRACOLLA, PICCOLE, GRANDI, POCHETTE: LE BORSE, UN ACCESSORIO IMPORTANTE  CHE NON PUO' MANCARE.  IL MARSUPIO UNA NEW ENTRY .

 Insomma, ce n'è per tutti i gusti: dalle tracolle dal taglio squadrato ai secchielli tempestati di paillettes effetto metal, dalle mini-bag ai modelli in formato maxi in stile borsone da viaggio, quest’ultimo soprattutto per caratterizzare i look maschili. E ancora gli zaini: deliziosi in tutte le taglie.

È come se la MODA volesse dirci: "Non c'è niente da inventare ma abbiamo molto da poter utilizzare!”

Quindi ognuno di noi può, in questo vasto panorama di oggetti, divertirsi a creare il proprio personale stile facendo emergere e valorizzando le proprie peculiari caratteristiche.

È la stagione del cambiamento, con tutto questo materiale a disposizione serve solo un pizzico di coraggio per iniziare la trasformazione, non intesa come stravolgimento dello stile ma piuttosto come affermazione decisa del nostro "io".

Premettendo che la  cura della bellezza esteriore deve andare di pari passo alla cura della bellezza dell'anima, trovare il proprio stile, traendo spunti magari anche dalle tendenze moda del momento, ma non necessariamente, ci fa diventare dei fari in grado di illuminare e fonte di ispirazione.

 

                                                                                  Cinzia Diddi

 

Mostra altro

UN ALTRO SUCCESSO PER CINZIA DIDDI: VERONICA SATTI  SPLENDIDA  NELLA FINALE DEL GF 15 VESTE UN ABITO DELLA STILISTA PRATESE

10 Giugno 2018 , Scritto da Daniela Lombardi Con tag #moda, #televisione

                                                                                 

 

 

 

 

Grande Cinzia Diddi! La giovane stilista pratese ha appeso un’altra medaglia al petto: Veronica Satti, la figlia ritrovata di Bobby Solo, ha indossato durante la trasmissione abiti della stilista pratese, per poi esplodere in tutta la sua bellezza con un long dress rosso. Rosso è il colore dell’amore e le ha portato decisamente fortuna visto che il sogno della giovane di ritrovare armonia con il famoso padre sembra stia diventando realtà.

D’altra parte Cinzia Diddi non veste solo l’apparenza, veste l’anima, come più volte ha tenuto a sottolineare. Crea il look cercando di cogliere l’essenza della persona che deve vestire, perché con l’abito si esprime la nostra personalità il nostro “io”.

 Cinzia Diddi è stata interpellata da un grande amico di Veronica, Edoardo Ercole, figlio della mitica Serena Grandi, per rivisitare il look dell’amica del cuore che stava intraprendendo questa  esperienza televisiva con un grande scopo: quello di farsi conoscere dal mitico Bobby Solo, che per lei è “semplicemente” suo padre, un padre con il quale l’amore non si è mai interrotto, si è smarrito, ha solo preso una lunga e tortuosa strada per poi esplodere, nonostante a volte ci possano essere delle incomprensioni che sembrano insuperabili.  

Cinzia Diddi è felice di aver contribuito, anche se in minima parte, a far conoscere questa figlia attraverso il suo modo di essere.

Se è vero che chi lavora dietro le quinte è importante quanto chi lo fa davanti alle telecamere, si può affermare che Cinzia Diddi ha veramente spopolato  in questa stagione  televisiva passando da un Gf all’altro, dall’Isola dei famosi a Sabato Italiano, Tale e quale, per non farsi mancare il teatro, la magia della notte in discoteca.   

                                                                                                                                                                                      

 

Da sempre la femminilità, da noi stilisti, è considerata un valore da esaltare, un qualcosa di prezioso che va messo in risalto non solo con un trucco curato ed un'acconciatura impeccabile, ma anche, nelle occasioni particolari, con abito da sera che esalti le forme e faccia risplendere di eleganza e raffinatezza chi lo indossa.
L’abito lungo da sera è da sempre simbolo di eleganza e sontuosità. Un capo da sogno per tutte, dall'infanzia in poi!

Si indossa per un’occasione speciale... È il pezzo forte che conclude ogni sfilata e l’attesa è sempre trepidante. Anche le FIABE non sono immuni a questo fascino.”

 

                                                                                                                                                                                           CINZIA DIDDI

Mostra altro

L’anima creativa del Brand Tentazioni: Cinzia Diddi.

22 Maggio 2018 , Scritto da Daniela Lombardi Con tag #moda, #televisione

  

 

 

 

 

Tempo di traguardi raggiunti, tempo di emozioni. Soddisfazione per un ulteriore tappa raggiunta e per uno nuovo percorso che comincia. Finalmente è stato inaugurato, dopo una lunga ristrutturazione, lo Store Tentazioni by Cinzia Diddi a Sarzana. Fatiche e impegno, cadute e successi, gioie e dolori. Tutto questo in un mese di lavoro.

Protagonista come sempre … solo e soltanto l' amore e la passione per il lavoro. Dedico a mio fratello questo successo per essere sempre stato presente in ogni momento e in ogni mia scelta” . “A tutte le stelle che nelle notti della mia vita illuminano il mio cammino” e alle mie stelle più belle, le mie migliori creazioni:  i miei figli Dante Elsen Luigi e Annalea Ludovica Italia.

Ai miei genitori dedico questo traguardo e tutte le restanti pagine della mia vita, perché, oltre a essere  delle guide costanti, hanno permesso la costruzione della mia identità, fornendomi gli strumenti necessari a orientarmi nel mondo e insegnandomi la curiosità di esplorarlo ogni giorno da più punti di vista possibili.

Ringrazio i miei due  ospiti  d' onore Carmen di Pietro, da me vestita al Grande Fratello Vip e Giucas Casella che ho seguito nello stile all' Isola dei famosi.

La loro bellezza d' animo ha arricchito virtuosamente la giornata.

Un grazie colmo di gratitudine al mio ufficio stampa nella persona di Daniela Lombardi, professionista straordinaria e persona eccelsa”.

 

Cinzia Diddi

 

                                                                                                                                                                                                                                                                                                          

 

Conosciamo con più cura questo Brand:

 

L’anima creativa del Brand: Cinzia Diddi.

Cinzia si occupa di curare l’immagine di molti personaggi importanti, quali industriali manager avvocati di prestigio e personaggi del mondo dello spettacolo.
Siamo negli anni 80, era bambina e si divertiva a giocare nel reparto sartoria dell’azienda paterna.
E’ iniziato tutto da quell’atelier, poi l’attitudine, la sensibilità cromatica, l’intuito, il senso delle proporzioni e la formazione teorica... hanno fatto il resto.
Durante la sua esperienza lavorativa e grazie al padre, importante uomo borghese, Cinzia rimane a stretto contatto con l’alta borghesia, affinando uno spiccato senso del gusto e dello stile, ereditato senza dubbio dalla madre.
La parte stilistica è un aspetto di un contesto più ampio.
Cinzia è consulente di immagine, cioè quella figura professionale che fornisce un servizio dedicato al miglioramento dell’aspetto attraverso il modo di vestirsi, di muoversi e di presentarsi. Si occupa di tutto quello che concerne la comunicazione non verbale: l’abbigliamento, il trucco, l’acconciatura e l’etichetta, e dell’armonizzazione di questi aspetti.
Il valore aggiunto? Cinzia crea personalmente gli abiti.
L’immagine è una cosa seria: lavorare sull’immagine non significa mascherare ma svelare le persone. 
Per dirla in termini matematici, la passione per la moda è una condizione necessaria ma non sufficiente.
Ovvio, deve esserci una naturale inclinazione verso certi temi, ma come per ogni mestiere è necessaria una preparazione professionale maturata soprattutto sul campo di battaglia, unica scuola veramente formativa.

 

 

La storia del Brand Tentazioni è   una storia familiare, che affonda le sue radici in un lontano passato.
Da decenni si occupa di abbigliamento e di stile, più precisamente questa è la terza generazione.
Fare abiti è ciò che il team Tentazioni vuole e desidera fare. Fa parte del corredo genetico, e la passione che lo anima mantiene vivo e rinnova il voler fare sempre meglio, proiettandolo in un contesto quotidiano, dove ogni situazione è uno spunto per creare, un’occasione per accontentare, un momento in cui lo spirito di ricerca alimenta la sete di trasmettere i valori importanti attraverso il lavoro.
Così facendo la casa di moda Tentazioni crea valore nobilitando lo scopo.
Provando grande felicità quando le creazioni contribuiscono, nel quotidiano, a celebrare chi le sta indossando.
E’ così da sempre.
E di generazione in generazione vengono tramandati questi valori.

La filosofia del brand Tentazioni:
Lavorare con l’immagine è una cosa seria.
Gli abiti non devono mascherare ma rivelare la personalità di chi li indossa, creando carisma e mistero.
Un look che parla di noi riesce a farci riconoscere, ricordare, e darci credibilità.

 

 

La stilista pratese CINZIA DIDDI veste il cantante pratese FRANCESCO GUASTI

 

            "Francesco  Guasti  ha  un indiscutibile pregio, quello di avere una delle voci più squisitamente graffianti che si siano mai sentire, un vero miracolo della natura,

grandissimo artista, ma anche e principalmente un amico.

 

E’ un orgoglio per me vestire un grande personaggio come Francesco Guasti,  anche lui come me di Prato.

 

Il look che ho scelto per lui rispecchia esattamente il suo modo di essere: grintoso con personalità e comfort, un look affascinante e versatile, evocativo di un determinato stile di vita e in grado di suscitare emozioni. Un life style moderno, elegante e graffiante con articoli pratici, dalle linee pulite ed essenziali.

 

Pensato per un uomo che non segue le mode, ma che ha il carisma di dettarle.

 

I capi sono pratici, facilmente sovrapponibili e intercambiabili, caratterizzati da un’alta qualità dei materiali ed in grado di garantire comfort e morbidezza.

 

La sintesi perfetta tra comfort, eleganza contemporanea e brio da indossare indistintamente sia di giorno che di sera, per uno stile grintoso ma ricercato che non passa inosservato."

 

                                                                                                                                                                                             Cinzia Diddi

 

Mostra altro

Cinzia Diddi: per la giovane stilista pratese un successo tira l'altro!

24 Aprile 2018 , Scritto da Daniela Lombardi Con tag #interviste, #moda, #televisione

 

 

 

 

 

Dal Grande Fratello Vip all'Isola dei famosi, un nuovo successo, ci racconta questa avventura?

 

La sera del 17 aprile si è concluso un bellissimo viaggio, iniziato il 22 gennaio, un programma televisivo che ha intrattenuto, stupito, è stato spesso al centro di varie polemiche e che ho trovato interessante per i messaggi che ha voluto trasmettere...  l’unità fra i partecipanti, il sostegno, l’amore per la natura. Sto parlando dell'Isola dei famosi, programma al quale ho partecipato in maniera indiretta poiché ho curato lo stile e l'immagine di un grandissimo personaggio, una bellissima persona, delicata, nobile d'animo, gentile... Giucas Casella.

In un primo momento si è trattato di fare abiti quasi di 'scena', i parametri da seguire erano  la comodità,  che fossero adatti al clima dell' Honduras.

 In un secondo momento ho fatto quello che è il mio lavoro vero e proprio, cioè fare abiti dietro consulenza di immagine.

Curare lo stile del personaggio valorizzandone le caratteristiche.

Sono tante le cose di quest'esperienza che ricordo con piacere, dall'enorme soddisfazione provata nel vestire e rendere “stiloso” Giucas, senza ovviamente snaturarlo, all'amicizia nata con questo favoloso personaggio del mondo dello spettacolo, sia con lui che con il suo assistente Giuseppe, al divertimento e soprattutto alla scoperta di me, poiché anche questa esperienza è servita ad arricchirmi professionalmente.

E' stato l'imparare qualcosa di nuovo su me stessa, il prendere più coscienza  e riconfermare le mie capacità professionali che ha contribuito a rendere quest'esperienza davvero speciale: fare abiti e curare lo stile di un personaggio, infatti, non è solo esercitare un' arte è qualcosa di più, qualcosa che ti permette, nell'analizzare il personaggio per valorizzarlo, di capire un po' meglio chi sei. Come mi è capitato al Grande Fratello Vip e poi ancora all'isola dei famosi e in molte altre trasmissioni televisive, red carpet o tour teatrali, l'esperienza in un modo o nell'altro è unica e irripetibile e finisce per lasciare sicuramente

Qualcosa di positivo, che sia una nuova amicizia, un pezzettino sconosciuto di te stesso o addirittura un nuovo sogno... anche questa volta posso esclamare con soddisfazione ... ne è valsa la pena!

 

Quale stile ha scelto per Giucas Casella?

 

Mi sono focalizzata su un aspetto estremamente evidente di questo personaggio in questo preciso momento della sua vita e, analizzandolo per creare il suo personale look, l'ho trovato UN UOMO SPIRITUALMENTE IN RINASCITA: il suo essere gioioso e allegro, frizzante e rinnovato, mi ha fatto protendere verso abiti importanti ed eleganti ma dal taglio giovane, con l'utilizzo di colori chiari, dal grigio chiaro al blu elettrico, dal beige  al giallo. Ho voluto che l'abito svelasse il suo stato d'animo di questo momento.

Sono una fautrice del fatto che l'abito debba SVELARE e non mascherare, debba in qualche modo raccontare qualcosa di Te.

Figure professionali come la mia hanno l'obbligo di valorizzare, tenendo ben presente questo concetto, poiché ogni abito creato che nasce da una consulenza di immagine debba essere una "seconda pelle", in modo che indossarlo faccia sentire FELICE E A PROPRIO AGIO.

 

Crede di aver raggiunto lo scopo?

 

Una cosa la so con certezza!

Ho lavorato con il cuore e la passione, con il grande desiderio di accontentare Giucas.

Cinzia  Diddi: per la giovane stilista pratese un successo tira l'altro!
Mostra altro

LA MODA DI CINZIA DIDDI ARRIVA NELLE DISCOTECHE GRAZIE AL VOCALIST NIKO MAMMATO

27 Marzo 2018 , Scritto da Daniela Lombardi Con tag #moda, #interviste

 

 

 

 

Conosciamo una nuova figura che da qualche tempo affianca il dj nelle discoteche, il vocalist, cioè l'animatore della serata.

 

 

 

Come definirebbe Niko Mammato se stesso?

 

Nel lavoro e nella vita di tutti i giorni mi definisco allo stesso modo: sorridente, carismatico, con tanta fantasia ma con i piedi per terra... una persona piena di energia

 

 

Come inquadrare la figura di un vocalist?

 

La mia professione è inquadrata in primis nell'intrattenimento, ma bisogna dire chi è il vocalist!!? Bene... è colui che anima, che allieta  il pubblico,  facendogli trascorrere una bella serata, facendolo sentire soprattutto protagonista, questo è fondamentale, infatti credo che un vocalist non debba essere da solo protagonista della serata ma che lo sia  insieme al pubblico, facendo parte di esso e questa formula "penso" sia la formula vincente della mia carriera e che mi contraddistingue da altri, diciamo che è una personalità artistica che ognuno di noi ha un po’ come una firma!

 

 

 Quanto è iniziata la tua carriera?

 

Giovanissimo nel 1996/7 a soli 16, sembra ieri e sono passati 21 anni,  ma chi ne vuol saperne in più su di me, è invitato a leggere la mia biografia sul mio sito

www.nikomammato.com

 

 

Dove lavori?

 

Lavoro in tutto il territorio nazionale,  lavoro e ho lavorato nei migliori clubs, come base sono resident vocalist dello YAB di Firenze, nell'estivo da 14 anni circa lavoro nei Clubs della Costa Smeralda e grazie alla Live Events Group sono resident voice del club Mtv sunbreak per Malta e italia.

 

 

Cosa consiglieresti a chi vuole iniziare la tua carriera?

 

Di  essere sempre se stessi, di iniziare se si ha lo  spirito d'intrattenimento, di essere protagonisti insieme al pubblico, di essere sciolti e non impostati, di non esser volgari, di parlare nei momenti giusti, di imparare la metrica che è fondamentale per il mestiere.

 

 

Se ti dico Cinzia Diddi cosa mi rispondi?

 

Gusto, raffinatezza, eleganza, colore, stile, differenza. Una grande stilista e insieme ne combineremo delle belle …

Mostra altro

Presentazione collezione Primavera / Estate per la stilista pratese Cinzia Diddi

25 Marzo 2018 , Scritto da Daniela Lombardi Con tag #moda, #interviste

 

 

 

 

 

Come definirebbe la donna del brand?

 

 Moderna, pratica e alla moda. Potrebbe essere descritta così la donna Tentazioni by Cinzia Diddi.

       

Ho letto una poesia che portava questo titolo:

 

LA DONNA, FORZA DELLA TERRA!

 

È diventata il mio slogan per questa collezione donna.

La narrativa della collezione segue l’idea di donne moderne con un look sofisticato e versatile. La loro immagine si adatta a ogni ora del giorno.

Il look è sia elegante che urbano. Il tocco sportivo: la presenza quasi costante del jeans. È l'era della donna “guerriera” comoda nei suoi abiti senza rinunciare a carisma ed eleganza.

 

Dove si è tenuta la sfilata?

La scelta della location non è a caso! Ho scelto il posto di lavoro di ogni giorno, i capi della collezione primavera/estate 2018 hanno sfilato in mezzo a tessuti e macchinari da sartoria.

Non una sfilata vera e propria ma un appuntamento a porte chiuse. La stilista Pratese ha presentato nuovamente la collezione primavera/ estate 2018 ad un’élite, riservata a pochi e rigorosamente su appuntamento. Una festa intima per celebrare la DONNA e il jeans, capo ultracentenario.

 

Si è trattato della seconda presentazione prima di inviare la collezione donna negli Stores Tentazioni by Cinzia Diddi

 

A cosa  si è  ispirata?

Scrive Daisaku Ikeda, scrittore, educatore e filosofo orientale: «La forza delle donne è la forza della terra. […] Quando una donna si mette all’opera, tutto cambia. Le donne possono trasformare la famiglia, la comunità, la società e l’epoca in cui vivono. Saranno loro che trasformeranno il nostro mondo .»

Questa per me è stata una frase di grande ispirazione,  che rimarca il ruolo che la donna ha nella società ed ho anche pensato che per svolgere al meglio questi compiti, una donna dinamica deve indossare abiti comodi ma al tempo stesso eleganti. La Donna anche se guerriera  deve mantenere la femminilità.

Ecco perché in questa collezione il protagonista è il jeans, comodo ma se sapientemente abbinato anche elegante.

Il jeans un vero e proprio culto... oltre cento anni di storia 

              

Icona generazionale per eccellenza a cui nessuno può rinunciare. Amatissimo dai giovani e non solo.

Per celebrarlo ho deciso di renderlo protagonista insieme alla DONNA.

La sua caratteristica : la robustezza, la sobrietà!

L'utilizzo del tessuto jeans sta diventando  sempre più raffinato, crea un contesto disadorno/chic e unito a tessuti  particolari e al colore quello che si ottiene è un prezioso agrodolce che esalta la femminilità e non fa rinunciare al comfort. 

La gamma di abiti portati in scena dal brand presenta un' impennata di decorazioni, si fa strada il colore, la fantasia.

Il colore diventa un modo per contrastare il grigiore, il malumore, il male di vivere.

La donna Tentazioni by Cinzi Diddi veste tinte anche shocking, che spesso si mescolano con il rosa, rendendo il colore protagonista ma non invadente. La collezione va dal sensuale allo sportivo e la comodità nei capi sportivi incontra sempre l’eleganza …

Perché  ha scelto il jeans?

 

Una storia a sè quella del jeans

«Il jeans invecchia integrando in sé il cambiamento dell'età, impregnandosi di avventura, della vita di chi li indossa. Ogni lavaggio è una pagina girata, il tempo ci scrive la sua memoria su uno sfondo sempre più pallido. La decolorazione dovuta al lavaggio traduce l'avvenimento vissuto fino alla saturazione finale.»

«Autentico o simulato che sia, resta il fatto piuttosto bizzarro rispetto all'estetica "naturale" del consumo, che per i jeans il nuovo vale meno dell'usato, il consumo aggiunge valore (estetico, affettivo, di prestigio sociale, perfino economico) all'oggetto.»

Mi piacciono i tessuti che hanno da raccontare una storia.

Mi sembrava il tessuto ideale per celebrare la donna di questo millennio.

Mostra altro
<< < 1 2 3 4 5 6 7 8 9 > >>