Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
signoradeifiltri.blog (not only book reviews)

fabio marcaccini

Canzoni stonate

5 Aprile 2013 , Scritto da Fabio Marcaccini Con tag #fabio marcaccini, #poesia

Canzoni stonate

E' notte fonda in quel sonno vuoto e senza senso
inganno la mente e mi lascio incantare.


Le stelle sbiadiscono una volta di più mentre randagio
vago verso i confini dell'alba su quel monte con la testa china,
a cercare sentieri liberi e sicuri su questa terra
dove l'ingordigia preme, infetta e piaga le ferite.


Il cuore trattiene e rimescola le parole, zittisce i sogni.
Troppa rabbia esplode sotto i piedi.
Ripartono le nenie antiche su quelle note non dimenticate
tra una strada di periferia e troppi chilometri fuoricittà.


Cambia il tempo e nulla vale quei ricordi,
che ti saltano addosso, pesanti come macigni.
Fosse bello, almeno, tornare ad urlare al cielo le canzoni stonate
ma è il risveglio del pensiero, a turbare il domani.

Mostra altro

La mia donna

18 Marzo 2013 , Scritto da Fabio Marcaccini Con tag #fabio marcaccini, #poesia

Lenzuola sgualcite
stanche di odori e profumi taglienti
ritrovano pace, il vuoto e il silenzio.


Ruffiane, anche loro, han nascosto certi momenti
svestendo la vita, asciugando il sudore,
accogliendo i sospiri, trattenendo le grida.


Si sono intromesse tra i corpi e gli ormoni
ascoltando parole e promesse non vere,
carezze alla pelle ma col cuore, avare.


Un po' false, un po' serie, complici e testimoni,
han sospeso il respiro,
violato la mente pescando nel torbo
tra il piacere, il senso, il dissenzo e l'oblio.


Poi... cadon le stelle.
Lo specchio fatato restituisce l'immagine persa
e la mia vita si inebria di Te.


Oggi, lenzuola pulite si ridestano al cielo,
asciugano al sole anche di notte.
Distese sul letto, non han più timore, si aspettano solo noi,
nello struggente abbandono al tuo seno per quella volta di più.


18/03/2013

Mostra altro

Patana

13 Marzo 2013 , Scritto da Fabio Marcaccini Con tag #fabio marcaccini, #poesia

Patana. Niente più si muove.
Il sole invoglia al tuffo
immergersi è un invito a rilasciare
il sale, da questa pelle e dal sudore.

Freschezza di emozioni
non più giovani né mai mature,
sopite, rilassano le membra,
riemergono anche il cuore
per farlo galleggiare, accoccolato,
dal maestoso mare.

Sospinto verso l’alto, sospeso con fiducia,
dipingo ad occhi chiusi i colori della vita,
il senso ai miei ricordi, le gioie e i delusi.

Ora, libertà. Pace è intorno,
la terra è a distanza
voglio incontaminarmi al cielo,
sotto di me resta il profondo
ma non dà più pensiero.

Mi muovo appena-appena e nel silenzio
lo sguardo vola in alto,
riassapora ogni momento
nel rincorrere il rimorso.

Le labbra si serrano tra i denti
poi un sospiro grida al mondo:
“non c’è traccia di rimpianti”.

Patana
Mostra altro

OCCHI DI GABBIANO

9 Marzo 2013 , Scritto da Fabio Marcaccini Con tag #fabio marcaccini, #poesia

Un grido richiama dall'alto.

L'azzurro del mio mare si distrae,
dall'orizzonte si alza a quel cielo
tanto acceso da un bagliore oscuro,
mentre il tutto asciuga i cattivi pensieri.

Due bianche ali incatenate nell'aria
volteggiano, poi planano contro, veloci,
ad impazzare verso quella mente,
col cuore, ormai stritolata da artigli selvaggi.

Poi, ad evitare lo schianto
la dolce frenata,
e come l'Angelo, posarsi accanto.

Gli occhi fissi mescolano i sentimenti
In due perdiamo gli sguardi annebbiati
verso quell'Oltre troppo lontano.

Un altro grido richiama dal cielo.
"Io torno a volare, Amico mio.
Proviamoci insieme".

Mostra altro

73 volte Scully

20 Febbraio 2013 , Scritto da Fabio Marcaccini Con tag #fabio marcaccini, #poesia

Pensieri, parole,
hanno violato il Cielo.

Ho trovato sconfitte
le mie illusioni
col perseverare incosciente
per l'errore di viverti,
ad ogni costo
e a pagarne lo scotto.

L'acqua è malata,
impura,
non lava l'anima né la coscienza.

Il mio mondo è intorno,
mi vuol vicino.

Tu
tra il rumore di troppi corpi accanto
riascolta i nostri silenzi
pensieri e parole
volate verso il cielo.


2002

Mostra altro

Si, ci sono anch'io

20 Febbraio 2013 , Scritto da Fabio Marcaccini Con tag #fabio marcaccini

E’ più triste
non pensare a qualcuno
o sapere
che qualcuno non ti pensa?

Mostra altro

Fabio Marcaccini, "Buongiorno anche a te"

16 Febbraio 2013 , Scritto da Patrizia Poli Con tag #poli patrizia, #fabio marcaccini, #recensioni

Fabio Marcaccini, "Buongiorno anche a te"

Prefazione di Patrizia Poli

Oltre ogni inganno, l'uomo, il poeta Marcaccini, è solo. Solo di fronte alla sua coscienza, solo con la consapevolezza dei propri umanissimi errori e di ciò che non sarà mai piu', solo di fronte al tempo che se ne va. Niente piu' abbellimenti, niente illusioni, bensì parole, pulite e scabre. Egli trova conforto nella natura, madre e non matrigna, intesa come archetipo, elemento primigenio. Il mare sarà quindi il suo mare di Calafuria, ma anche “il mare” di tutti noi, il mare di ogni epoca ed ogni vita. Di fronte all'onda, allo scoglio, alla risacca, come di fronte all'aquila e alla vetta, egli sarà ancora una volta solo col suo dolore, appena mitigato, a tratti, da tenui bagliori di speranza. Come unico riscatto, l'Amore, ormai scevro da connotazioni profane, capace di sublimare la carnalità in un dolcissimo sentimento che unisce e redime, che solleva al di sopra delle brutture del mondo. Insieme all'amore, l'amicizia, sempre desiderata e sempre tradita da coloro in cui si era riposta fiducia. Ultimo ma non certo ultimo, l'affetto paterno, che trasmette il testimone a chi viene dopo di noi, a chi si ama di un amore smisurato ed infinitamente indulgente. La poesia di Marcaccini ci tocca nel profondo, perché sgorga dall'umano bisogno di redenzione e dignità, contro tutto e tutti.

Mostra altro

Tratto da "Nessun luogo è lontano"

14 Febbraio 2013 , Scritto da Richard Bach Con tag #fabio marcaccini


"Può una distanza materiale, separarci davvero dagli amici?
Se desideri essere accanto a qualcuno che ami, non ci sei forse già?..."

"Vola libera e felice, al di la dei compleanni, in un tempo senza fine,
nel persempre.
Di tanto in tanto noi ci incontreremo -quando ci piacerà-
nel bel mezzo dell' unica festa che non può mai finire."

Richard Bach

Mostra altro

Fabio Marcaccini, "Soul"

8 Febbraio 2013 , Scritto da Patrizia Poli Con tag #poli patrizia, #fabio marcaccini, #recensioni

Fabio Marcaccini, "Soul"

È arrabbiato, Soul, se la prende col mondo che l’ha tradito. Sa di attribuire agli altri anche colpe proprie, ma la rabbia trabocca, minaccia di travolgere il suo amore puro, passionale, celeste. Lui e Lei sono soli come il primo uomo e la prima donna, contro tutto e tutti. Sporcati, avviliti, scacciati nella foresta, come Ginevra e Lancillotto, fino quasi a perdersi, a confondersi, a risvegliarsi incerti e tremanti. Troppo soli per farcela, troppo stanchi. Per fortuna Lei è serena, salda nel suo amore. Asciuga sul suo seno le lacrime infantili di lui, accoglie i suoi sogni di bambino perduto, accetta le sue inconcludenze, lo rivede nel frutto del loro amore che ora dà un senso ad ogni sofferenza. Molto belle "Stella cadente" e "L’Infinito".

Mostra altro

La "Signora dei filtri"

5 Febbraio 2013 , Scritto da Fabio Marcaccini Con tag #fabio marcaccini, #poli patrizia

Patrizia Poli nasce a Livorno nel 1961 e qui risiede. Laureata in lingua e letteratura inglese con una tesi su Il Signore degli anelli di Tolkien, ha vinto il premio Guerrazzi con il suo racconto "Quand'ero scemo", a sua volta pubblicato anche sulla rivista "La Ballata". Attualmente responsabile della sessione "Arte e Cultura" per la nostra rivista LivornoMagazine.it e del relativo social forum su facebook, collabora a "CriticaLetteraria" e gestisce, insieme a Ida Verrei, la pagina "Laboratorio di Narrativa" su Facebook.

Ha scritto "Il Respiro del Fiume", "Signora dei Filtri", "Bianca come la Neve", ed è autrice di una lunga serie di racconti. Insieme ad un gruppo di autori livornesi ha anche pubblicato "La Livorno che c'è", una raccolta di storie brevi e poesie.

Leggere Patrizia ha senz'altro qualcosa di magico. Le sue narrazioni ti afferrano con delicata prepotenza e ti proiettano da subito in un tourbillon di emozioni, le stesse che molto probabilmente la scrittrice vive quando dà vita a personaggi, ambientazioni e situazioni. Mai banale, mai distaccata dai suoi racconti, è un perfetto cocktail di maestria e creatività. E di creatività dimostra di averne davvero tanta, visto gli innumerevoli racconti prodotti dalla sua mente, con storie sempre nuove e dai contenuti mai abusati. Nel racconto, il protagonista dimostra di avere sempre un cuore ed un anima: un contraddittorio di emozioni buone e cattive, come poi si riscontra sempre nella vita di tutti i giorni. Sentimento, amore, odio, pietà si mescolano tra loro. Così è per il bambino down (Quand'ero scemo), lo stesso vale per il boia che deve sopprimere la vita di un efferato criminale (Dead Man Walking), ma lo è perfino quando il protagonista della storia è una macchina di ferro computerizzata ed inviata dalla Terra ad esplorare il pianeta Marte (Solo il rumore del vento).

Ciò che resta difficile da spiegare è perché in una letteratura che dà spazio e fama anche ad orrende creazioni, non sia ancora stato riconosciuto il valore che si deve ad una scrittrice vera come la nostra Patrizia. O forse, molto più semplicemente, le cose stanno come la stessa scrittrice ci insegna nel suo articolo "Caro aspirante scrittore...".

Insomma per farvi capire meglio il tutto e darvi la possibilità di apprezzare o meno, vi invitiamo a leggere alcuni dei suoi racconti che segnaliamo a seguito con accanto il nostro personalissimo giudizio.

- Asili ****

- Bugie e fantasie ****

- Di spalle ****

- Dona Sol ****

- Effimera ****

- Gli Angeli di St. Jeremy ****

- Il bastone e la conchiglia ****

- Il campo di mais ****

- Il figlio dell'uomo *****

- Il vento libero ****

- Incompiuta ****

- Io e Evelyn *****

- Io e te ****

- La corda e la pietra ****

- La scelta ****

- La terza notte ****

- L'inchiesta ***

- Marta ci vede ****

- Nessun dolore ****

- Quand'ero scemo *****

- Solo il rumore del vento *****

- Sordocieco *****

- Ultime ore prima dell'alba *****

- Un'estate sola ****

Mostra altro
<< < 1 2 3 4 5 6 7 > >>