Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
signoradeifiltri.blog (not only book reviews)
Post recenti

Reincarnazione: seconda parte

17 Giugno 2015 , Scritto da Franca Poli Con tag #poli franca, #saggi

Reincarnazione: seconda parte

Casi tratti dal libro di Ian Stevenson

IMAD

E' l'anno 1962, quando il professore viene a conoscenza di questo fatto.
Riguardava un ragazzo di nome Imad, appunto, che non faceva che rievocare avvenimenti e persone di una sua esistenza precedente.
Ecco i fatti.
Imad Elavar era un ragazzo libanese. Era nato nel 1958. Aveva solo due anni quando prese a narrare di aver vissuto una vita precedente a quella attuale. Descrivendo fin nei minimi particolari fatti e persone di quella vita.Tutto nacque così: faceva spesso due nomi che in famiglia nessuno conosceva: Jamile e Mahmoud. Gli veniva chiesto allora chi fossero, che cosa significassero. Un giorno disse che c'era stato un incidente di macchina, un ragazzo era finito sotto le ruote di una vettura e avevano dovuto amputargli tutt'e due le gambe. Aveva sofferto molto, e da quelle gravi ferite non si era più ripreso. Dopo un certo tempo la conseguenza fatale fu la morte.
Poi aggiunse che "doveva andare a Khriby", una località a circa trenta chilometri dal suo paese.
Perché vuoi andare a Khriby?
Portatemi a Khriby. E' il mio paese.
Che dici, che vuol dire che è il tuo paese.
Io sono vissuto là.
E quando?
Nella mia vita prima di questa. Là è la mia famiglia.
E come si chiama la tua famiglia
Disse un nome: Bouhamzy.
Ma la storia di Imad non finisce qui; perché un giorno, passeggiando per il suo villaggio con la zia, si staccò da questa e corse verso una persona che stava camminando al di là della strada. La salutò con calore e lo abbracciò. Lo sconosciuto, sorpreso e stupito da quel ragazzino, gli chiese se lo conoscesse.
Ma certo che ti conosco? e tu no? ma se eravamo vicini di casa a Khriby.
Ma… come…
Quel signore in effetti era di Khriby. Era il signor Salim el Aschkar, che aveva sposato una ragazza del paese di Imad, Kornayel; e là di tanto si recava a volte solo a volte con la moglie.
La zia di Imad, tornati a casa, raccontò il fatto ai genitori, i quali ebbero modo di pensare, collegando questo fatto a tutto ciò che il figlio andava narrando di tanto in tanto. Però non fecero niente per appurare che cosa ci fosse sotto.
Questo ripeto, avveniva nel 1960.
Nel 1962, il prof Stevenson, venuto a conoscenza del caso, si recò di persona a Kornayel, dove Imad e la sua famiglia abitavano, e si fece raccontare tutto, ciò che i genitori per l'ennesima volta fecero. Chiese il permesso di recarsi con ragazzo a Khriby; lo ottenne, e andarono. Qui cominciò a fare controlli su controlli, e tutto combaciava coi ricordi del ragazzo. Per farvi capire ci vogliono alcuni numeri.
Il prof. Stevenson ottenne e registrò 47 dichiarazioni di Imad.
44 di queste dichiarazione corrispondevano a verità, senza ombre o dubbi.
Una volta giunti a Khirby, Imad dette altre specificazioni su alcuni avvenimenti e personaggi di quella sua precedente esistenza.
Stevenson ne registrò 16.
14 risultarono esatte.

Vediamo adesso alcune delle dichiarazioni fatte dal ragazzo, che nella vita precedente diceva di essere stato un certo Ibrahim della famiglia dei Bouhmdazy, che, messe a confronto con la realtà anche attraverso la testimonianza di testimoni, si rivelarono vere.
Partiamo dal nome di Khriby. Imad dichiarava che era il suo paese, ricordate?
Bene, va detto, e lo appurò Ian Stevenson, che c'era più di una località con quel nome; dei quali uno vicinissimo al paese dell'attuale Imad. Durante gli interrogatori del professore al ragazzo questi disse che no, non era quello, il suo paese; il suo stava molto più lontano. Si trovò - andando sul posto - il paese esatto, che Imad riconobbe come il suo, e guidò tutti a quella che era stata la sua abitazione.
Queste prime cose furono testimoniate dai genitori di Imad, la madre Lafeite e il padre Mohammad.
Un'altra cosa che disse mentre con la macchina andavano a Khriby:
- per andare a Khriby bisogna attraversare il villaggio di Hammana (esatto)
Il prof. Stevenson a questa affermazione guardò i genitori di Imad, che assentirono, e gli dissero che il loro figlio non era mai stato su quella strada. ( Che abbia forse, per caso, sentito qualche volta parlare di questo dal padre nelle varie discussioni con parenti e amici?)
Adesso veniamo a quei due nomi che aveva pronunciato quasi a casaccio, così, e che là per là nessuno capì, né sapeva a cosa si riferissero.
Partiamo dalla seconda:
- Mahmoud.
Mahmoud era in effetti uno zio di Ibrahim, per l'esattezza il signor Ibrahim Bouhamdzy (testimone un cugino di Ibrahim)
- Jamile.
Sul nome Jamile dobbiamo dilungarci un poco perché tanti sono i riscontri con la realtà vera; vediamoli.
Ibrahhim aveva un'amante che rispondeva al nome di Jamile.
Su questo punto ci sono diverse testimonianze, ma una di esse, da parte di un parente alla lontana di Ibrahim, si rivelò non esatta, testimonianza che poi ritrattò, e ritrattò ancora,
Jan Stevenson capì che era un testimone non credibile, era un tale che voleva mettersi in mostra ed avere una certa importanza nella faccenda. Insieme a lui anche altri due persone vennero scartate dal professore, non attendibili.
Alcune delle dichiarazioni del ragazzo a suo padre.
- Jamile era bella.
In effetti, nella località dove viveva, la ragazza era ritenuta di una bellezza eclatante. (In Libano le donne sono tutte belle, e il dettaglio poteva essere senza alcuna efficacia; ma una donna del posto molto anziana, che l'aveva conosciuta di persona, confermò la cosa.)
Dove abitava, Jamile, lo sai?
Indicò con la mano tesa verso il villaggio di Masser dove la ragazza abitava.
- Jamile portava tacchi alti.
La cosa fu confermata da Haffez Bouhamzy, e pareva poter essere presa come coincidenza, considerato il fatto che in Libano le ragazze non portavano i tacchi alti.
- Jamile vestiva di rosso.
Lui gli comprava vestiti di questo colore sgargiante. Haffez confermò che la ragazza era usa portare una sciarpa rosso fuoco intorno ai capelli.
- Said.
Said era un cugino di Ibrahim Mahmoud, che aveva subito anche lui un incidente sulla strada, nel quale nell'anno 1943 subì l'amputazione delle due gambe. I medici fecero del tutto per salvarlo dalla morte ma non ci riuscirono.
- La persona che Imad incontrò nel suo paese e che salutò calorosamente. Questa persona era un vicino di casa di Ibrahim.
- Imad riferì quasi alla lettera le ultime parole di Ibrahim prima di morire.
Imad nominò un altro nome: Mehibe
- Mehibe
Non sapeva dire chi fosse. I suoi genitori avevano pensato intanto che fosse una femmina, e poi congetturato che potesse essere la figlia, o una delle figlie, di Ibrahim/ Imad. Invece Stevenson appurò, in base a ricerche e testimonianze, che era un uomo ed era uno dei tanti cugini di Ibrahim.
Aveva dei figli:
- Adil
- Talil o Talal
Va detto che parlando col prof. Ian Stevenson circa tutti questi nomi che pronunciava Imad, i genitori pensavano sempre che si trattasse di figli avuti nella precedente esistenza.
Invece si appurò che il primo, Adil, era un altro cugino di Ibrahim; così come l'altro nome; era esistito un altro cugino di nome Khalil, che nella pronuncia imperfetta del bambino era stato capito come Talil o Talal, appunto.
Ha dei fratelli, uno si chiamava
- Said
Ibrahim in realtà non aveva un fratello con questo nome. Said è il nome di due persone che il ragazzo nella vita precedente aveva conosciuto.
Uno era un suo cugino morto per un incidente di macchina nel 1943; l'altro un amico morto nel 1963.
Il cugino come abbiamo narrato più sopra Said Bouhamzy, subì l'amputazione delle gambe e, poiché il mezzo pesante gli era passato sopra il petto, gli aveva schiacciato il torace, fu operato anche qui; successivamente morì proprio per le conseguenze di ciò (vedi più sopra).
A proposito di questo incidente, che colpì molto Ibrahim, che si recò spesso all'ospedale per avere notizie del cugino, Imad dichiaro anche che:
- avvenne dopo che l'autista del camion e Said avevano litigato. Quindi egli affermò che l'uccisione fu volontaria. La notizia però si rivelò infondata. Forse Imad confondeva due episodi, il secondo del quale andiamo a riferire qua sotto. Va detto che l'autista fu processato e condannato per guida negligente, ma non per omicidio.
- Un altro, fratello, Fuad.
Quando il prof. Stevenson gli mostrò una piccola foto di Fuad in divisa da militare Imad non lo riconobbe, negò; ma riconobbe benissimo un grande ritratto ad olio appeso a una parete, quello è mio fratello Fuad.
- Una sorella, Huda
Dichiarò di avere una sorella con questo nome. Il professore verificò anche questo elemento. Appurò che era vero, aveva avuto una sorella alla quale al momento della nascita egli volle che i genitori la chiamassero così appunto: Huda.
Il prof. Stevenson si incontrò con questa persona che avvalorò con la sua testimonianza quanto dichiarato dal imad.
La incontrò alla presenza di Imad, al quale chiese: riconosci questa persona?
Certo, che la conosco, è Huda.
(da notare che prima gli avevano mostrato una anziana signora che era la madre di Ibrahim, ma Imad non la riconobbe; disse infatti di no, ma aggiunse che gli piaceva molto.
Tralasciamo di parlare delle molte persone tra amici e parenti che Imad nominò nelle sue varie confessioni di ricordi, e veniamo ad altro.
Gli fu mostrata una tela abbastanza grande che ritraeva Ibrahim.
Chi è questo, lo conosci? (da notare che qualcuno gli aveva suggerito che era uno zio, e che era un suo fratello).
Certo, sono io.
- Le parole prima di morire.
Avevano chiesto alla sorella che cosa le avesse detto prima di morire, dato che lei era presente; ella rispose: mi chiese di cercare Fuad e farlo venire, ché voleva salutarlo.
Ricordi cosa hai detto prima di morire, cioè le tue ultime parole?
Huda, per favore, chiama Fuad.
Di professione Imad faceva l'autista. Aveva avuto moltissimi incidenti stradali.
Tra le altre dichiarazioni fatte una recitava così:
il mio autobus è andato fuori strada. Ma non c'ero io alla guida quando ciò è avvenuto. Morirono delle persone.
Il prof. Stevenson fece ricerche e fece domande. Al padre alla madre ad alcuni conoscenti. Si accertò che:
Un giorno il ragazzo alla guida dell'autobus che aveva persone a bordo scese. Il suo aiutante restò sopra. Il freno, che probabilmente funzionava male, perse la sua efficacia e l'autobus scivolò a marcia indietro in una scarpata; rimasero feriti alcuni passeggeri.
Si fece un capannello di persone, quasi tutto il villaggio, e fu chiamata la polizia che accorse sul luogo per fare i rilievi. Un testimone, che seguì la cosa anche appresso, dichiarò che Ibrahim, da allora, non era più lui; e non volle più guidare. E aggiunse, ma questo non poté essere appurato, che questo fatto gli causò la forma di tubercolosi che lo portò alla tomba all'età di 25 anni. Aggiunse anche che aveva litigato con il suo collega autista, perché aveva insultato sua sorella.
Non è stato accertato.
Però c'è qualche elemento in comune con quello che Imad aveva dichiarato circa l'incidente di Said. (vedi sopra)
- Ero amico di Kamel Joumblatt. (esatto)
Costui era un filosofo e politico, e sia Ibrahim che il cugino Said erano suoi amici. Il filosofo è vivente e risiede in una piccola località poco lontana dal paese di Ibrahim/ Imad.
- Mi piaceva molto la caccia.
Avevo un fucile a due canne e anche una carabina. Però la carabina la tenevo ben nascosta.
E dove tenevi il fucile?
Imad indicò il ripostiglio ricavato da un angolo tra due pareti (solo lui e la madre sapevano di questo ripostiglio).
- Avevo un cane da caccia di colore scuro.
Imad, quando nel cortile della casa gli fu chiesto dove tenesse il cane, quale era cioè la sua cuccia, e come lo teneva, indicò l'angolo esatto, e che lo teneva legato con una corda. (dichiarazione particolare, perché in quel villaggio i cani erano tenuti da una catena).
Si rivelò esatta l'informazione.
Anche il fatto della carabina nascosta; spiegarono al professore che laggiù è vietato per uno che non sia un militare detenere una carabina.
Il cane: aveva un cane, ma non era da caccia.
Le testimonianze furono raccolte dalle dichiarazioni di due parenti di Imad, i signori Nabih e Haffez Bouhamzy.
- E quando disse che aveva picchiato un cane, forse si riferiva al fatto che il suo cane pastore s'era azzuffato con un altro cane, e lo aveva ferito a morsi.
.- La casa.
Imad descrisse la casa dove viveva Ibrahim con precisione estrema. Era situata in un quartiere di Khriby (o Chriby). Egli la descrisse perfettamente e indicò esattamente la direzione da prendere a chi lo accompagnava da una distanza di più di trecento yarde. Era al centro del piccolo villaggio. Quando il prof: Stevenson condusse il ragazzo là, lo indirizzò verso la periferia, come aveva precedentemente dichiarato Imad, il quale però, strada facendo, si accorse che il verso della strada che doveva portare alla casa era sbagliato, e li fece deviare tornare indietro, e così trovò l'abitazione. E come aveva dichiarato prima, essa era proprio al fondo di una ripida discesa (proprio davanti a casa mia c'è una scarpata).
- la camera di Ibrahim.
Nella camera indicata da Imad come quella dove viveva lui, c'erano due letti, gli fu chiesto quale fosse il suo, indicò quello nell'angolo esatto.
C'è ancora un particolare che fu rilevato dai suoi genitori.
Il prof. Stevenson seppe che una volta Ibrahim s'ammalò di una malattia infettiva, per cui i suoi amici in visita non venivano ammessi nella cameretta di lui; e gli parlavano e lui parlava con loro attraverso una finestrina.
Fu chiesto a Imad come parlava agli amici; indicò la finestra e dichiarò:attraverso quella, indicandola.
Ma non potevi vederli dal tuo letto.
Il mio letto, quello, non stava là, ma stava in questa posizione, e la indicò. E da essa si vedeva benissimo all'esterno.
- la casa ha un attico
(vero, il professore verificò di persona).
- vi erano due pozzi.
Stevenson ebbe modo di constatare che vicino all'abitazione c'erano due cisterne, una profonda e una bassa. Quella grande serviva per l'acqua piovana e l'altra no, perché appunto troppo poco fonda. E per questo il primo era sempre pieno e l'altro (che poi alla morte di Ibrahim fu chiuso), quasi sempre vuoto.
- si stava rifacendo il giardino
(vero)
- e nel giardino piantarono alberi di ciliegie e di mele.
Stevenson poté vedere di persona questi alberi.
- affermò di possedere denaro e terreni
(in effetti corrispondeva a verità, erano dei genitori)
- e aveva una macchina gialla
(vero, confermarono Haffez e Nabir Bouhamzy)
e un autobus
(vero, c.s.)
e un camion per il trasporto di terra e pietre
(vero, c.s.)
di questi due ultimi mezz, uno serviva per il suo lavoro come autista, e l'altro per i lavori della famiglia per i terreni.
- a casa mia ci sono due garages.
L'affermazione non è del tutto esatta, perché i mezzi di trasporto stavano all'aria aperta quando erano parcheggiati, ma c'erano due capannoni, che Ian Stevenson vide di persona; Imad/ Ibrahim poteva alludere a questi.
- avevo cinque figli
(e mostrava le cinque dita della mano alzata)
Non è esatto. Non ebbe figli, il ragazzo, ma forse ricordava i figli di suo cugino Said, cui era molto affezionato, e del quale era amico intimo, che ne aveva appunto cinque.
Ecco, questo è uno dei casi più importanti che Ian Stevenson ha studiato e catalogato nel suo ampio schedario.
In seguito ne illustrerò altri perché mostrano tutti un certo fascino e vi potranno interessare. Però al momento non so ancora quanti. Certo che sarebbe bello presentarveli tutti e venti, quelli del suo libro, ma forse sarebbe troppo noioso, alla fine.
Per ora un caro saluto, e alla prossima puntata.

Se a voi o a vostri amici o conoscenti è capitato qualche fatto strano, anche
se non ha agganci con il fenomeno della reincarnazione, ma che in qualche maniera possa rientrare, secondo voi, in quello della parapsicologia, se volete, potete comunicarmelo e io lo esaminerò e vedrò se sarà possibile pubblicarlo, grazie della vostra attenzione.

Scrivete a mdsantis@email.it

marcello de santis

Mostra altro

I PIRANDELLO E LA GRANDE GUERRA

16 Giugno 2015 , Scritto da Valentino Appoloni Con tag #valentino appoloni, #storia, #racconto

I PIRANDELLO E LA GRANDE GUERRA

Iniziamo parlando della Grande Guerra in casa Pirandello. Nel 1915 Stefano Pirandello si arruola volontario, parte per il fronte e viene fatto prigioniero nel 1917 durante l'offensiva di Caporetto, come scrive a un amico il famoso padre:

"Sappi che la mattina del 2 novembre, alle 7 1/2, dopo una notte di fuoco, egli è stato fatto prigioniero, nella battaglia d'Oslavia, ferito al petto, per fortuna leggermente. Un'altra ferita aveva ricevuto il giorno avanti; gli avevano dato alcuni giorni di licenza per farsi medicare; rifiutò la licenza sapendo che la notte si sarebbe rinnovato l'attacco, e fu fatto prigioniero. Sono ormai circa due mesi! Fra tutte le sciagure che potevano toccargli (è vivo per miracolo!), questa è certo la minore … Coraggio, Stefanuccio mio: non abbandonarti troppo alla meditazione e lavora, lavora quanto più puoi: non c'è rimedio migliore a questo male della vita. Nessuno meglio di me lo sa per prova.".

Il giovane passerà mesi durissimi a Mauthausen e poi a Plan, in Boemia: il grande scrittore cercherà di aiutarlo inviandogli cibo e anche sigarette. Si scriveranno spesso, di solito lettere brevi per evitare la censura che altrimenti le avrebbe bloccate. Anche lo stesso figlio conforterà il padre, alle prese con la pazzia della moglie e con le difficoltà nel proseguire l'attività letteraria. Ci si potrebbe chiedere se in fondo non fossero ambedue prigionieri. Il rapporto tra loro sarà sempre difficile, faticando Stefano a trovare una sua strada artistica nell’ambito del teatro, lontano dall'ombra del grande Luigi. Ricorrerà anche a uno pseudonimo. Chi vuole approfondire questi temi, può leggere il libro Il Figlio prigioniero che riporta parte dell'intenso carteggio tra i due.

Tutto ciò fa da sfondo al lungo racconto Berecche e la guerra. Siamo agli inizi della Prima Guerra Mondiale. Un padre, Federico Berecche, innamorato della Germania come principio etico sinonimo di disciplina, metodo, rigore, autocontrollo, ha il figlio Faustino che vorrebbe l’intervento dell’Italia contro l’Austria e la Germania. Nessuno a parte lui ama il mondo tedesco; si scatenano liti molto aspre. Berecche è solo nelle sue posizioni, in casa come tra i parenti e i conoscenti. La famiglia si sta sfasciando mentre l'Italia resta neutrale; ci sono isterie, individualismi, personalismi. Il padre, buffo e teatrale, è l'unico che nonostante tutto ha una certa flessibilità; in un precario equilibrio rivede le proprie amate convinzioni filotedesche, cercando una difficile ricomposizione con Faustino che è partito per combattere in Francia. Berecche ripete spesso all'amico medico "Io ragiono ...", ma il dottore, sonnolento e laconico, non risponde al suo straparlare, come se la scienza fosse muta davanti alla sua quasi follia. Vuole andare a combattere anche lui nonostante i cinquantatré anni e la pancia. Qui tutto diventa assurdo e spassoso come nel miglior Pirandello; pensa di comprare di nascosto un cavallo, studia in una notte i principi dell'equitazione e si reca in un maneggio per apprendere, spera in poche ore, come cavalcare. Si vede già vicino a Faustino, in battaglia sul fronte francese, contro i tedeschi. Ma una brutta caduta lo rende temporaneamente privo della vista; medicato, abbandona i progetti avventurosi e passa bendato il suo tempo con la figlioletta cieca, condividendo con lei il non poter vedere le brutture della realtà cui la ragione e la volontà non pongono rimedio.

Diversi interrogativi sorgono da questa novella. Può essere meglio non vedere quello che non si può cambiare? La generazione vecchia deve restare a casa facendo spazio ai giovani, lasciandoli liberi anche di sbagliare? Berecche è a suo modo un piccolo eroe che crede nella famiglia, oppure va compatito per aver rivisto le convinzioni di una vita, senza ricavarci nulla se non solitudine e infortuni?

Il racconto è anche una piccola risposta della passionalità mediterranea al rigore e al razionalismo teutonico, tanto osannati all'inizio dal protagonista (lo stesso Pirandello visse alcuni anni in Germania). La vicenda individuale del padre riporta anche il dramma di tanti caduti e delle loro famiglie, frammenti di una storia più grande così spietata con le piccole vicende personali che rischiano di cadere nell’oblio:

"Così tra mille anni, pensa Berecche, questa atrocissima guerra che ora riempie d’orrore il mondo intero, sarà in poche righe ristretta nella grande storia degli uomini; e nessun cenno di tutte le piccole storie di queste migliaia e migliaia di esseri oscuri, che ora scompaiono travolti in essa, ciascuno dei quali avrà pure accolto il mondo, tutto il mondo in sé e sarà stato almeno per un attimo della sua vita eterno, con questa terra e con questo cielo sfavillante di stelle nell’anima e la propria casetta lontana lontana, e i proprii cari, il padre, la madre, la sposa, le sorelle, in lagrime e, forse, ignari ancora e intenti ai loro giuochi, i piccoli figli, lontani lontani".

Mostra altro

PENSIERI SPARSI

15 Giugno 2015 , Scritto da Franca Poli Con tag #franca poli

PENSIERI SPARSI

Oh luce terapeutica per l’animo mio stanco, ti aspetto con trepidazione quando nel prematuro risveglio sono impaurito dalle ombre che mi circondano, massacrato da fantasmi tenaci che hanno fatto delle mie pareti la proiezione concreta delle loro ombre. Brevi lassi di tempo vi rendono padroni senza cuore, non mi avrete mai: stupide interiorità che s’illudono di poter detenere appieno il mio pensiero, vi ripongo con brutale soddisfazione nelle buie tenebre dalle quali emergete. M’è compagna fedele, in tale conflitto quotidiano la salvifica alba, naturale fustigatrice delle angosciose paure. Come in ogni fatale e stolta verità che s’accompagna al meschino vivere dell’uomo, Tu luce prodigiosa però, rechi il fastidioso rombare dei motori, l’acuto fischio di compagni di lavoro, lo stridere delle persiane, le rumorose saracinesche del bar. Ed è così che mi ritrovo nel perenne dissidio dell’uomo, a rifugiarmi nelle ombre che mi sono più favorevoli. Vita, sgualdrina ingioiellata sapientemente mascherata, non ti lasci mai penetrare, mantieni SEMPRE immutata, la tua enigmatica VERGINITA’!

G.Campagna.

Mostra altro

PRIGIONE DI TRINCEE di Giuseppe Cuzzoni (1896 – 2001)

14 Giugno 2015 , Scritto da Valentino Appoloni Con tag #valentino appoloni, #storia

PRIGIONE DI TRINCEE di Giuseppe Cuzzoni (1896 – 2001)

Cuzzoni racconta la sua esperienza nella Grande Guerra, da quando venne chiamato a prestare servizio partendo dalla sua Novara, fino al congedo ricevuto solo a 1920 inoltrato. La scrittura è sobria e controllata, la prosa piana, le emozioni sono espresse in modo sentito ma in forma pacata. Opera come ufficiale di fanteria dopo il corso a Modena, conoscendo vari tratti di fronte; Cadore, Monte Cimone, Carso, Piave. Nel suo memoriale si assapora più la dura vita di trincea che non il lato crudo della lotta, anche se l'autore viene ferito abbastanza seriamente da una fucilata in Cadore. Quello che si racconta è il grande lavoro di un ufficiale inferiore, teso a organizzare i compiti dei subordinati e impegnato soprattutto in continue perlustrazioni notturne lungo la linea. A contatto con i rudi e pazienti fanti, l'ex impiegato di banca impara ad apprezzarli, vedendo i ricoveri malsicuri, la posizione dominante del nemico, le zone martoriate dove

" ... il terreno all'aperto, tutto arso, sconvolto da buche e da fosse, aveva un odore nauseabondo di cose putrefatte ed un colore sanguigno che metteva orrore".

Lo stillicidio di perdite nelle prime linee rattrista, ma non dà luogo a spunti polemici. Chi cade è un eroe che a volte riesce ad avere una tomba grazie alla pietà dei compagni, ma non se ne parla mai come di una vittima. L'autore, infatti, pur non avendo partecipato alle manifestazioni degli interventisti e ostentando un temperamento tiepido e ben diverso da altri coetanei che si presentarono come volontari, considera comunque un dovere etico e civico il prendere parte al conflitto. Questa è la posizione che mantiene e mostra in tutto il memoriale. Tristezza e turbamento sfociano principalmente in una vivissima nostalgia di casa.

Grande è l'amore per i luoghi straziati in cui il suo reparto deve sostare; nel 1916 visita Gorizia finalmente presa elogiando i soldati che la difendono morendo ancora nelle sue vie. Identico è l'affetto per luoghi più desolati sulla Vertoibizza o presso il Piave, durante la ritirata dopo lo sfondamento di Caporetto. Sono luoghi dove si resta per settimane o appostati alla meglio solo per un pugno di ore, ma sono posti bagnati dal sangue e allora divenuti sacri. La descrizione della ritirata è la parte più drammatica e dettagliata del testo; gli uomini del reparto a tratti si sbandano nei vari paesi spopolati, si teme l'accerchiamento, poi si torna a sperare di resistere vicino al Tagliamento per poi proseguire l'arretramento fino al Piave. Poche le notazioni sui civili che ingrossano il numero dei fuggitivi; l'occhio resta puntato sui soldati. Nella descrizione di quelle settimane tragiche prevalgono l'angoscia per il Paese minacciato e il dolore per le conquiste perse, rispetto al senso di sbandamento generale che si trova in altri diari o memoriali. La durezza di quel periodo accresce la voglia di tornare a casa, già raggiunta alcune volte durante brevissime licenze che gli avevano permesso di restare a Novara appena poche ore. Solo nel gennaio 1918 può rivedere la famiglia.

Indimenticabile, tra i passi più tragici del libro, la descrizione di una fucilazione; in mezzo a molti soldati che non se la sentono di guardare, un condannato per diserzione muore in seguito a ben tre scariche di colpi, dopo essere caduto dalla sedia cui era stato legato ed essere finito in un fosso. Cuzzoni conclude così il resoconto dell’episodio:

La truppa venne quindi allontanata lasciando solo pochi soldati che provvidero alla sepoltura di una vita perduta anch’essa, se non a beneficio, a causa della guerra”.

Nel novembre dello stesso anno è nelle retrovie quando apprende la notizia dell'armistizio, ma attenderà fino al 15 maggio 1920 prima di avere il sospirato congedo. La felicità si mescola allora alla mestizia per il terminare di una stagione vissuta intensamente con i compagni; cinquantaquattro mesi indimenticabili e tali da, come scrive, confezionare il

" ... ricordo nostalgico dell'esercito d'Italia che per me ha sempre avuto il volto che gli vidi nella dura e ardua prova".

Mostra altro

Buffalo Bill a Livorno

13 Giugno 2015 , Scritto da Patrizia Poli Con tag #poli patrizia, #personaggi da conoscere, #luoghi da conoscere

Buffalo Bill a Livorno

Il 17 marzo del 1906, alle sette del mattino, una strana carovana si ferma alla stazione San Marco di Livorno.

Comprende carri, cavalli, diligenze. Il circo, perché di circo si tratta, è il grandioso, celeberrimo, “Wilde West Show” di William Frederick Cody (1846 - 1917), meglio conosciuto come Buffalo Bill. Dopo la sua vita avventurosa, infatti, Buffalo Bill ha fondato un circo di successo nel 1883, che ha intrapreso una grande tournèe in Europa.

Lo spettacolo si ferma a Livorno fino al 20 marzo, con due rappresentazioni il giorno, una alle quattordici e una alle venti e attira grandi folle che fanno la fila per prenotare i biglietti. I livornesi rimangono affascinati dall’imponente spiegamento di mezzi: 700 uomini, di cui 100 pellerossa, 500 cavalli. È tutto un vorticare di costumi, di penne, di frecce, di lance, viene riproposta la battaglia di Little Big Horn, con la mitica resistenza del generale Custer, e persino un attacco alla diligenza con sparatorie e inseguimenti in puro stile western.

Pare anche che, durante il soggiorno livornese, il rude avventuriero sia entrato in un bar, abbia ordinato un ponce e, spavaldamente, abbia cercato di buttarlo giù tutto di un fiato, ma si sia dovuto immediatamente ricredere e sorseggiarlo con calma, pena i lucciconi agli occhi.

Mostra altro

Mario Borgiotti

12 Giugno 2015 , Scritto da Patrizia Poli Con tag #poli patrizia

Mario Borgiotti

Il creatore del Premio Rotonda, che dal 52 allieta l’estate labronica, è Mario Borgiotti (1906 – 1977)

A tredici anni è messo a bottega da un liutaio, dove impara a conoscere il violino. Suo padre è un portuale artista, che declama Dante. Passa poi a lavorare dal barbiere Filocrate Falli, dove si ritrova l’intellighenzia livornese. Qui conosce i post macchiaioli (Liegi, Nomellini, Ghiglia) che lo introducono all’amore per la macchia. Diventa pittore ma, soprattutto, appassionato fin nel midollo dei macchiaioli prima maniera - in particolare del grande Fattori - che amerà, collezionerà, divulgherà e sprovincializzerà, facendoli conoscere in tutto il mondo.

Imbevuto di pittura, sviluppa il suo stile senza frequentare alcuna scuola. Autodidatta, riceve solo una lezione da Giovanni March, che lo porta a dipingere alla Torre del Marzocco.

Si specializza in ritratti, dove riproduce fedelmente i lineamenti ma dà anche uno spessore psicologico al soggetto. Oltre a dipingere i pittori suoi contemporanei e da lui conosciuti, come Liegi, ritrae anche personaggi famosi e artisti, fra i quali Mascagni, De Chirico, Papini, Annigoni, Carrà e Ardengo Soffici.

Mostra altro

Reportage: Yucatan, seconda parte

11 Giugno 2015 , Scritto da Liliana Comandè Con tag #liliana comandè, #luoghi da conoscere

Reportage: Yucatan, seconda parte

CELESTUN: RISERVA DELLA BIOSFERA

Il Messico non offre solo siti archeologici e mare. Sicuramente è meno conosciuta per essere una delle nazioni che possiede una vastissima area denominata “Reserva de la Biosfera del Ria”.

Un paradiso per i naturalisti che si estende per circa 590 chilometri e si trova non molto lontana dal Golfo del Messico.

In questo estuario si incontrano le acque dolci dei fiumi con quelle salate del Golfo e questo ne fa un habitat ideale per quelli che sono la maggiore attrazione di questo eden: i fenicotteri rosa che raggiungono anche il considerevole numero di mille uccelli acquatici. A bordo di una barca ci si inoltra nelle sue acque poco profonde e si esplorano le meraviglie che si presentano agli occhi di chi ama la natura.

Non è facile incontrare tutti gli animali che vivono nella riserva, ma ci sono ben 300 specie di uccelli, fra i quali troviamo gli aironi, i pellicani, le garzette e i fenicotteri, oltre ai coccodrilli, iguane e tartarughe acquatiche. Inoltre, in questo estuario, vi sono lagune, saline, grotte e cenotes.

E’ una parte molto selvaggia e, qualche volta, si vedono i pescatori che, in un modo poco consueto, tentano di prendere i grossi gamberi, detti camarones, che in questa località vengono cucinati in maniera superba.

Si “naviga” fra spazi molto ampi e tunnel di mangrovie che formano una specie di “foresta” tanto fitta da far sembrare l’acqua “prigioniera” delle radici e dei rami che spuntano dai fondali azzurri.

Uccelli di ogni colore cinguettano stando fermi o svolazzando sull’intricato gioco di rami, come se fossero braccia pronte ad accogliere le piccole creature. A Celestùn c’è un mondo tutto da scoprire.

Qui si trova il Messico naturalistico, quello che fa estasiare davanti ad ogni cosa bella che la natura ci ha regalato, comprese le aquile e i gabbiani che volano tranquillamente nel ceruleo cielo.

CHICHEN ITZA’, SIMBOLO DEL MESSICO MAYA

Ma non si può visitare il Messico senza aver visto Chichen Itzà, il sito archeologico più noto del paese e visitato ogni anno da circa un milione ottocentomila turisti. Il nome significa “Sul bordo del pozzo degli Itzà” e all’inizio della sua storia su un centro molto florido Puuc e lo testimoniano i numerosi monumenti risalenti proprio a quell’epoca.

La città raggiunse l’apice nel 950 d.C., quando venne trasformata in uno dei principali luoghi di culto di Kukulcan, che è poi Quetzalcòatl, il Serpente Piumato, che è raffigurato sulla maggior parte dei monumenti. Il sito si estende per oltre 30 chilometri quadrati ed è suddiviso in differenti complessi architettonici e i più antichi risalgono al periodo Puuc.

Questi ultimi sono “Le Monache, formato dagli edifici Monache, Chiesa e Annesso, poi l’Akab Dzib, il Gruppo della Casa Rossa e la terrazza sulla quale sorge il Caracol. Ma il monumento più importante si trova proprio nella Piazza Centrale, che è circondata da una muraglia alta circa 6 metri. Si tratta della notissima piramide chiamata dagli spagnoli “El Castillo”, ma in origine il nome era Kukulcan.

E’ stata inserita fra le nuove 7 meraviglie del mondo e nel 1988 è stata dichiarata dall’Unesco “Patrimonio dell’Umanità”. La grande piramide a nove gradoni è composta da 91 gradini per lato (sono 4) più 1 che serve a salire nel tempio che si trova in cima.

Il numero non è casuale perché corrisponde a 365 e sono i giorni dell’anno. La piramide è sormontata da un tempio ed è ricorrente la figura del Serpente Piumato. Nei giorni degli equinozi di primavera e autunno, un gioco di luci e ombre, dà l’impressione che i grandi serpenti scendano dalla piramide. Sotto il Castello è stata trovata un’altra Piramide con all’interno due sculture.

Una rappresenta un trono a forma di giaguaro rosso con incrostazioni di pietre verdi e sul dorso un disco a mosaico. L’altra è un “chac Mool”, nota scultura che rappresenta un uomo reclinato che sorregge sul ventre un piatto destinato alla raccolta delle offerte.

Ma anche qui ci sarebbero da menzionare tutti i monumenti ritrovati, dalla scalinata del “Tempio dei Guerrieri” al Patio delle mille Colonne”; dal Tempio delle Tavole al complesso noto come “il Mercato. All’interno c’è anche un cenote e, come sempre tutto ciò che riguarda il mondo Maya, c’è sempre l’aspetto del sacrificio umano (ma quanto sia vero non sia sa) e si racconta che vi venissero gettate vergini e bambini.

Uno dei punti forti del sito è senza dubbio il Campo da Gioco della pelota, il più grande che si conosca. Ai lati sono visibili due anelli scultorei che erano le nostre “porte” dove far passare la palla e sono decorati con due serpenti piumati intrecciati.

Ai lati del campo ci sono molti bassorilievi che rappresentano il gioco e le regole che si dice siano state piuttosto cruente, mentre alcuni dicono che, se il giocatore riusciva ad infilare la palla nello strettissimo foro dell’anello, la squadra vinceva subito la partita. A Merida, nel corso di una Festività, proprio davanti alla Cattedrale è stata giocata una partita di pelota con sette giocatori.

Tutto è stato preparato come ai tempi dei Maya e la partita è difficilissima perché non si tira con i piedi ma con le ginocchia, stando stesi per terra. Capita anche che si tiri con il corpo, ma il cerchio è in alto e non è affatto facile fare “goal”. E lo sforzo dei giocatori è enorme.
Nel complesso, il sito di Chichen Itzà è il migliore esempio della commistione stilistica del periodo postclassico Maya con influenze del Messico centrale.
Ecco, fin qui quello che si può vedere in una settimana di soggiorno ma, come ho già scritto, c’è ancora da visitare la regione del Chiapas, Città del Messico, la parte nord, Playa del Carmen ecc…Il Messico è vasto ed è abitato da 112 milioni di abitanti. Un viaggio non basta, ma sono sicura che se ci si va una volta, ci si ritorna.

C’è ancora troppo da scoprire su questo popolo costituito dagli indios, dai meticci e dai discendenti degli spagnoli. Un popolo che è passato dal sentimento religioso legato ai fenomeni della natura al cattolicesimo con l’invasione degli spagnoli.

Il sole, la pioggia e il vento furono sicuramente i primi dei di questo popolo di agricoltori, che furono i signori indiscussi della juta, ricavata dalla pianta di agave così come dall’agave azzurra è ricavata la tequila, bevanda tipica nazionale, e del tipico cappello denominato panama.

Il Messico, oggi, ha un collegamento in più, quello della Compagnia Blue Panorama che fa scalo a Merida. Un motivo in più, questo, per scoprire le bellezze e conoscere la storia di questo misterioso popolo.

LA GASTRONOMIA

La cucina è molto varia e saporita ed è diversa a seconda della regione. Piatto principale è la Tortillas, una specie di pane basso di mais o granoturco.

Poi i Tacos, una specie di crepes di mais, che possono essere riempite con carne, cipolle e verdure. Molto buono il Guacamole, ripieno di avogados, peperoni, cipolle e peperoncino.

Ottimi i piatti a base di carne e pesce e, soprattutto, i “camarones” gamberoni fritti con una specie di farina al cocco, servita dentro una metà di quest’ultimo nel quale si trova una deliziosa salsa di mango e cocco.

La frutta è tropicale e si trova di tutto: dalla papaia al mango, dall’ananas al melone e all’anguria. Fra le bevande, ottima la cerveza (birra) e la tequila.

STRUTTURE ALBERGHIERE

Chiaramente le strutture a Cancun sono molto grandi, ma c’è da scegliere secondo le proprie esigenze,
Noi siamo stati alloggiati all’Oasis Resort All Inclusive, un 4 stelle di 959 camere standard con vista mare e vista giardino. La struttura è sulla larga spiaggia ed è dotata di belle e scenografiche piscine. La posizione è ottimale perché si trova vicino alle principali attrazioni e allo shopping center.

Le camere sono spaziose con televisore via cavo e cassetta di sicurezza. Il bagno ha l’asciugacapelli e il set di cortesia. Attività sportive e intrattenimento, 10 ristoranti con cucina di varie nazionalità. Unico neo: WiFi a pagamento e neppure tanto economico. I bambini sono gratuiti in camera con i genitori fino a 12 anni.

A Cancun, il Westin Hotel & Resort ci ha fatto omaggio di una sauna in stile Maya. Una sauna particolare, che si trova in giardino ed è una specie di costruzione bassa in mattoni. Il prima e il durante la sauna, è accompagnato da un rituale in lingua Maya da una specie di “sacerdote” Maya. Il problema è per chi soffre di claustrofobia o il caldo eccessico provocato dall’acqua versata sulle pietre infuocate. Comunque è un’esperienza da provare. Dell’hotel abbiamo visto solo l’ottima Spa e constatato la gentilezza del personale.

A Merida, l’hotel è un vecchio convento francescano: il “Fray Diego”, un 3 stelle superior piccolo e raccolto. Si trova in zona centrale ed ha 26 camere molto tranquille, dotate di aria condizionata (un po’ rumorosa) e il ventilatore a soffitto.

Gli arredi sono semplici e alla parete, sopra il letto, c’è un grande crocefisso. C’è una piccola piscina e un piccolo giardino con una fontana e qualche statua che ricorda cosa era prima.

Ristorante, bar e centro business. Nell’armadio c’è la cassetta di sicurezza. Il bagno non è molto grande ma la doccia è ampia e c’è il set di cortesia. L’WiFi è gratuito.

A 15 minuti dal centro di Merida c’è la bellissima Hacienda Misnè, classificabile quasi come un 5 stelle, immersa in un parco curatissimo pieno di fiori e alberi che fanno da contorno a 43 camere e 8 suite molto ampie e ben arredate. Anche i bagni sono grandi e, chiaramente, tutti ben attrezzati. All’interno dell’Hacienda c’è una Spa e una piscina, vasche nel giardino e un ristorante completano un piccolo gioiello dove trascorrere una luna di miele o regalarsi un soggiorno in una struttura dove comfort e lusso vanno a braccetto.

Infine, per chi cerca un ambiente molto ricercato, il boutique hotel “Casa Lecanda”, è l’ideale. Solo sette camere suddivise fra il piano terra e il secondo piano. Queste ultime sono dotate di balcone con vista sui giardini. Entrambe le camere sono dotate di balcone un ponte di legno con zona relax Ogni camera dispone di un letto a baldacchino king size, angolo soggiorno, armadio TV a schermo piatto, mini-bar e cassaforte in camera. I bagni dispongono di una grande cabina doccia a pioggia. Questi i servizi : Minibar, Cassaforte in stanza, Ponte di legno, Tv a schermo piatto, Box doccia con Sky luce, Aria Condizionata, Ventilatori, Wifi, iHome docking station per iPod e sveglia , Accappatoi e pantofole, prodotti da bagno biologici. Le garden suite sono ad un livello ancora più elevato. Piscina e ristorante completano i servizi di questo piccolo albergo.

Comunque, in ogni località del Messico esistono hotel appartenenti alle più grandi catene alberghiere.

IL VOLO CON BLUE PANORAMA

La partenza da Roma su Cancun è avvenuta con un Boeing 767-300 della compagnia italiana Blue Panorama con scalo a Cuba.

Il ritorno è stato diretto ed è durato 11 ore. Ora Milano Malpensa è collegata a Merida ogni lunedì e dal 20 luglio al 7 settembre anche il venerdì. Una buona occasione per approfittare delle tariffe convenienti della compagnia e del volo senza scalo.

Reportage: Yucatan, seconda parte
Reportage: Yucatan, seconda parte
Reportage: Yucatan, seconda parte
Reportage: Yucatan, seconda parte
Mostra altro

Il teatro Goldoni

10 Giugno 2015 , Scritto da Patrizia Poli Con tag #poli patrizia, #luoghi da conoscere

Il teatro Goldoni

Il teatro Goldoni di Livorno nasce nella prima metà dell'ottocento, durante il governo dei Lorena. L'architetto che lo idea, Giuseppe Cappellini, è improntato allo stile neoclassico. Occorrono quattro anni di lavori e il primo nome che viene imposto è "Imperiale e Regio Teatro Leopoldo" in onore del granduca Pietro Leopoldo II°. Ha una cupola luminosa in cristallo che permette anche spettacoli diurni e persino circensi, cupola che si colloca nella storia dell'architettura in vetro e ferro. L'opera viene inaugurata il 24 luglio 1847.

Gli inizi non sono facili perché la concorrenza è troppa da parte del teatro Avvalorati, del San Marco, del Rossini e poi del Politeama. Nel corso degli anni la struttura conosce alti e bassi, degradi e rinascite, nonché alcuni passaggi di proprietà. Solo nel 1860 assume il nome definitivo di "Regio Teatro Goldoni". Nel 1890 tocca il suo apice con la rappresentazione di Cavalleria Rusticana di Mascagni che attira molte personalità dell'epoca.

Durante la seconda guerra mondiale è requisito dagli alleati per organizzarvi rappresentazioni, fra le quali la più famosa è quella che vede protagonista Frank Sinatra.

Sopravvissuto ai bombardamenti, è poi dichiarato inagibile a metà degli anni ottanta e infine espropriato nel 90. Ora è patrimonio del Comune e custodisce al suo interno anche alcuni cimeli di Mascagni.

Il Goldoni ha ospitato, e continua a ospitare, grandi cantanti, compositori e attori delle migliori compagnie: Galliano Masini, Pietro Mascagni, Enrico Caruso, Beniamino Gigli, Mario del Monaco, Eleonora Duse, Ermete Zacconi, Paolo Stoppa, Enrico Maria Salerno, Giulio Bosetti. Vi sono state rappresentate opere di Verdi e di Puccini: Macbeth, la Boheme, Manon Lescaut, Tosca, Madame Butterfly. Ha accolto anche le prime proiezioni cinematografiche.

Nel 1920/21 è stato sede del congresso socialista da cui si è staccata la minoranza che, abbandonando il Goldoni per il teatro San Marco, ha poi dato vita al partito comunista.

Mostra altro

Reportage: Yucatan, un viaggio nel mondo dei Maya e a Cancun che non è solo uno splendido mare. Parte prima

9 Giugno 2015 , Scritto da Liliana Comandè Con tag #liliana comandè, #luoghi da conoscere

Reportage: Yucatan, un viaggio nel mondo dei Maya e a Cancun che non è solo uno splendido mare. Parte prima
UN VIAGGIO IN MESSICO NON MERITA SOLO NUOTATE NEL MARE CRISTALLINO, MA UN’IMMERSIONE IN UNA CULTURA E UNA RICCHEZZA RISCONTRABILE NEI SUOI SITI ARCHEOLOGICI, NELLE CITTÀ COLONIALI E NELLA SAPORITA CUCINA.

Arrivarono gli spagnoli e, fattisi prendere dall’ingordigia dell’oro dei Maya, distrussero una civiltà – per molti versi a noi ancora sconosciuta – che, per fortuna, ci ha lasciato testimonianze dell’antico splendore di un paese e di una popolazione gentile che è sopravvissuta al genocidio.
Ed eccolo il Messico, un insieme di colori, di suoni, di odori con gli spettacolari monumenti in pietra ma anche con i pittoreschi paesini e cittadine dove sia gli Indios (gli antichi discendenti dei Maya) che i messicani di origine spagnola, comprano e vendono con la stessa secolare pazienza.
Un paese affascinante, e per noi europei ancora un po’ sconosciuto, ricco di un passato pieno di leggende.
Un paese antico e moderno contemporaneamente, dalle molteplici e incredibili sfaccettature.

Le origini del popolo messicano sono tuttora in parte sconosciute. Probabilmente i primi Indios arrivarono 25 mila anni fa dall’Asia ed erano per la maggior parte pastori. Una volta che si stabilirono nel paese, da nomadi divennero stanziali e diedero vita a numerose e superbe civiltà, che ancora oggi meravigliano il mondo.

La prima impressione che si ha, appena si arriva nel paese, cattura la vista e il cuore. Il Messico brilla di vita propria, ricca com’è delle sue bellezze naturali. Il mare cristallino, la sabbia bianca, la flora esuberante, la cortesia degli abitanti, le Haciendas, le coltivazioni di agave per ricavarne la juta e la tequila, una vegetazione lussureggiate e una flora anche autoctona.

Di volta in volta, il paese mostrerà le sue tante facce: quella coloniale, quella Maya e Atzeca, quella moderna con i grandi alberghi delle città marine e le ingegnose attività istituite allo scopo di divertire il turista e lasciare un’impronta indelebile nella sua mente.

CANCUN, MARE MA ANCHE TANTO ALTRO…

Iniziamo da questa città balneare che ha un po’ un’impronta americana per i grandi alberghi costruiti nei pressi del lungomare. Begli alberghi che offrono al turista tutto ciò di cui necessità.

Dai tanti ristoranti alle originali piscine, dalle larghe e candide spiagge a stanze confortevoli. Non manca l’animazione, sempre più gradita ad ogni turista, ma proposta in modo soft così da non infastidire chi cerca solo il relax, così come non manca la discoteca per chi ama trascorrere le serate ascoltando musica o ballando.

Anche a Cancun molti alberghi hanno adottato la formula “All Inclusive”, e gli ospiti possono bere ogni bevanda ad ogni ora del giorno e quando lo desiderano. Ormai è diventato d’obbligo avere all’interno una SPA, e la maggior parte degli hotel ne ha con personale professionale così come le palestre attrezzatissime.

Da Cancun, per chi non ama stare sempre a prendere il sole sulla bianchissima spiaggia o nuotare nel mare di un azzurro dalle tante gradazioni, è possibile effettuare escursioni e allora come non trascorrere una mezza giornata a bordo di una barca che porta i turisti ad effettuare lo snorkeling o il diving sulla bella barriera corallina ricca di pesci coloratissimi e di un museo sottomarino unico al mondo?

E’ AquaWorld, un centro acquatico dove è possibile divertirsi con ogni tipo di sport marino come il Flyboard, l’Hoverboard e lo Waverunners, lo Skyrider, la pesca d’altura o fare il bagno in mezzo ai delfini.

Ma non è finita, ci sono anche l’Underwater Scooter, il Jungle tour, il Paradise Reef Adventure che, per mezzo di un sottomarino con i vetri, permette di osservare il coloratissimo reef.

Ma torniamo al Musa, l’Underwater Museum of Art, dove è possibile vedere più di 400 sculture poste sott’acqua allo scopo anche di incrementare la nascita dei pesci che qui possono trovare un ambiente protetto. AquaWorld è adatto sia per gli adulti che per i bambini.

E poi… cos’altro fare a Cancun, oltre alla vita classica di mare? Sicuramente, stando nello Yucatan, non può mancare una visita ad uno dei “cenotes”, perché è solo qui che si possono trovare. Fra i più importanti c’è “Los Cenotes de Cuzama”. Ma cosa sono i cenotes e perché si trovano solo in questa parte del Messico?

Sono realmente dei grandi pozzi carsici che in origine erano delle grandi cisterne d’acqua, utilissime ai Maya in quanto i cenotes costituirono l’unica possibilità di approvvigionamento di acqua dolce tanto da diventare spesso luoghi di culto delle divinità sotterranee.

Alcuni si sono formati in seguito al crollo della volta di una galleria sotterranea, altri, invece, poiché il terreno è calcareo, è franato e le falde acquifere li hanno invasi formando una specie di piccolo lago dove è possibile fare il bagno. Alcuni hanno le acque trasparenti e di colore blu, con i pipistrelli che volteggiano in alto sotto la volta.

Quelli totalmente scoperti si prestano a dei tuffi da effettuare aggrappandosi ad una appiglio di ferro che scorre su una fune d’acciaio. E’ divertente farlo e poi nuotare oppure osservare bambini e adulti che si divertono veramente tanto.

E sempre in tema di divertimento, vicino Cancun è possibile trascorrere una serata in allegria, mangiando e ballando su barche molto particolari.

E’ Xoximilco Park, una intelligente attrazione per i turisti e per gli stessi messicani che vogliono trascorrere una allegra serata messicana a bordo di colorate, illuminate e pittoresche barche che scivolano dolcemente in mezzo ai canali accompagnati dalle musiche e canti dei Mariaci e altre musiche tradizionali.

La cena è a base di cibi tipicamente locali, accompagnati da tequila e altre bevande.

Un’autentica immersione nella contagiosa vivacità e gaiezza dell’anima messicana.

Ma per chi ama avventurarsi in qualcosa di più “emozionante”, la Selvatica è il luogo ideale. Qui, un luogo in cui la naturalezza la fa da padrona, l’adrenalina è pura, così come il divertimento diventa eccitazione praticando lo Zip Line in mezzo alla foresta.

Non si può non provare la sensazione di “volare” sopra la jungla, imbragati in totale sicurezza, e osservare gli alti alberi che sono sotto di noi.

Tre ore di grande divertimento andando da un punto all’altro tramite un sistema di cavi d’acciaio e piattaforme che servono a far andare sempre più in alto e a consentire di fare un minimo di sosta dopo aver raggiunto uno dei tanti punti di arrivo.

Le cosiddette linee sono di varie lunghezze e altezze e si può stare in varie posizioni: da quella seduta a quella sdraiata per finire con quella, a mio avviso più divertente, a testa in giù. In questa specie di oasi, gli amanti dell’avventura potranno anche avere un’immersione nella natura rigogliosa del luogo.

UXMAL, CHE MERAVIGLIA!

I Maya, indiscussi protagonisti della più splendida civiltà precolombiana, furono fra le ultime popolazioni indigene ad essere sottomesse agli spagnoli. Fra il settimo e il nono secolo della nostra era, fiorirono i grandi centri che ancora oggi ammiriamo. Erano città superbe con un’architettura grandiosa ed hanno resistito al tempo giungendo a noi in ottime condizioni.

Se dovessimo giudicare dai resti dobbiamo dire che i Maya avevano uno spiccato senso estetico che resiste tutt’oggi nella pittura e nella scultura.

La vita religiosa era molto importante e pur essendo politeistica e molto legata ai fenomeni del mondo fisico, ammetteva l’esistenza di un essere superiore, dal quale derivavano le altre divinità. I Maya ci hanno lasciato un ricco tesoro di capolavori, di grande suggestione, che non mancano mai di suscitare ammirazione. Le rovine sono disseminate un po’ ovunque, e bisognerebbe tornare in Messico più volte per poterle vedere tutte. Ancora oggi, così come accade per le piramidi di Giza, in Egitto, è ancora un mistero come riuscissero a trasportare blocchi pesanti anche quaranta tonnellate.

Uxmal aveva venticinquemila abitanti ed era estesa in un territorio di 37,5 chilometri quadrati. Poiché non avevano molta acqua, costruirono molte cisterne (chutunes) e le loro costruzioni sono nel classico stile Puuc.

Molti dei monumenti che è possibile visitare ancora oggi, li dobbiamo alla “megalomania” del più celebre sovrano di Uxmal, Chaac, eretti nel periodo in cui la città era il principale centro politico yucateco. Poi, il predominio passò a Chichen Itzà, che si sviluppò maggiormente nei secoli successivi.

Uxmal è stata sotto la vegetazione per 500 anni fino a quando, nel 1842, un americano di nome Katerwood, la scoprì e fece i primi disegni dei templi. All’epoca si vedevano ancora i colori e gli intonaci che sono poi scomparsi.

Il principio di costruzione dei Maya era l’arco finto, che si regge su un architrave, e ad Uxmal si può notare e ammirare perché rimasto ancora intatto. La città è stata costruita 3 volte e, nonostante sia stato dichiarata dall’Unesco “Patrimonio dell’umanità”, il suo sito non è frequentatissimo come Chichen Itzà, nonostante sia uno dei più bei siti ancora esistenti.

Nelle costruzioni Puuc, il muro è sempre basso e liscio, senza decorazioni, ma le costruzioni hanno fregi, decorazioni e anche sculture a tutto tondo. Le porte sono sempre dispari e quella centrale è la più grande per dare simmetria ai palazzi. Ovunque, però, si trovano le maschere, che sono 260 giorni, che corrispondevano ai giorni dell’anno con 20 giorni al mese.

In mezzo alla vegetazione emergono le costruzioni, le larghe e alte scalinate e tante piccole iguane che qui hanno trovato il loro habitat ideale. Ci sono quattro complessi architettonici principali e il principale è senz’altro la Piramide dell’Indovino, alta circa 40 metri e dagli angoli stranamente arrotondati è sicuramente la più inconsueta nel panorama architettonico mesoamericano.

Sulle piramidi e sui palazzi ci sono fregi che si riferiscono ai miti della creazione e alla regalità.

Uno degli edifici più importanti è il Quadrangolo delle Monache dove c’è una rappresentazione del serpente piumato, che rappresentava il patrono divino dei governi postclassici yucatechi, e poi il Palazzo del Governatore e la grande Piramide.

Ci sarebbe tanto altro da dire su Uxmal, ma sarebbe riduttivo e, non vedendo ciò che resta, anche le descrizioni sminuirebbero la bellezza del posto. Uxmal è sicuramente fra i siti più belli e più importanti dello Yucatan e merita una visita accurata per apprezzarne la particolarità.

MERIDA, LA CAPITALE DELLO YUCATAN

Capitale dello Yucatan, Merida è una bella città coloniale dalle case basse e colorate. Fu chiamata “la città bianca” per via del calcare e della calce bianca che venne usata per costruire le case.

Fondata nel 1542 dallo spagnolo Francisco de Montejo de Leon, a lui è dedicato un bel museo. Il centro è costituito dalla Plaza Grande dove si trova la grande Cattedrale, dal palazzo del Gobierno, ricco di bellissimi affreschi che raccontano la storia dei Maya. Uno dei più belli rappresenta un uomo che esce da una pannocchia di mais, che viene usato tantissimo nella cucina messicana, e che un tempo era considerato sacro.

Inoltre, dal Palacio del Governador e da un grande giardino (Santa Lucia) che si trova proprio al centro di questi bei palazzi coloniali. Numerosi negozi di artigianato, bar e ristoranti si trovano al di sotto dei palazzi e sono un’attrazione particolare per chi ama fare lo shopping.

In Messico sono numerose le feste dedicate ai Santi e le città e i paesi si trasformano in tanti luoghi dove trascorrere piacevolmente il tempo a contatto con la popolazione. Ma per gustare totalmente il vero sapore di ogni nazione, non bisogna mai dimenticare di visitare il mercato, urbano o rurale che sia.

I colori dei vestiti delle donne si mischiano con quelli della prodotti che vendono e la socievolezza del popolo messicano sono un invito a comprare e ad assaggiare quei frutti che noi non abbiamo.

Il mercato è sempre un godimento per gli occhi, l’olfatto e per lo spirito anche perché si può apprezzare il loro modo di vivere, che non significa andare di fretta. La fretta è riservata alle auto e basta. Neppure ai taxi molto particolari che somigliano a dei risciò coperti.

In alcune strade “ricche” della città, bellissimi palazzi a due piani fanno da contorno a strade pulite il cui traffico è per noi quasi inesistente. Da visitare, inoltre, il Gran Museo del Mondo Maya e il Museo di Antropologia.
Merida, infine, costituisce il giusto punto di partenza per visitare sia Uxmal sia Chichen Itzà e la Riserva naturale di Celestùn.

Reportage: Yucatan, un viaggio nel mondo dei Maya e a Cancun che non è solo uno splendido mare. Parte prima
Reportage: Yucatan, un viaggio nel mondo dei Maya e a Cancun che non è solo uno splendido mare. Parte prima
Reportage: Yucatan, un viaggio nel mondo dei Maya e a Cancun che non è solo uno splendido mare. Parte prima
Reportage: Yucatan, un viaggio nel mondo dei Maya e a Cancun che non è solo uno splendido mare. Parte prima
Reportage: Yucatan, un viaggio nel mondo dei Maya e a Cancun che non è solo uno splendido mare. Parte prima
Reportage: Yucatan, un viaggio nel mondo dei Maya e a Cancun che non è solo uno splendido mare. Parte prima
Reportage: Yucatan, un viaggio nel mondo dei Maya e a Cancun che non è solo uno splendido mare. Parte prima
Reportage: Yucatan, un viaggio nel mondo dei Maya e a Cancun che non è solo uno splendido mare. Parte prima
Reportage: Yucatan, un viaggio nel mondo dei Maya e a Cancun che non è solo uno splendido mare. Parte prima
Reportage: Yucatan, un viaggio nel mondo dei Maya e a Cancun che non è solo uno splendido mare. Parte prima
Mostra altro

Angela Caccia, "Il tocco abarico del dubbio"

8 Giugno 2015 , Scritto da Patrizia Poli Con tag #poli patrizia, #recensioni, #poesia, #angela caccia

Il tocco abarico del dubbio

Angela Caccia

FaraEditore

pp 93

10,00

Non aver paura delle emozioni, dei sentimenti e della bellezza è una buona cosa, troppo spesso considerata fuori moda.

Il tocco abarico del dubbio” è una silloge di Angela Caccia che riesce ancora a commuoverci. Il titolo si rifà a quel punto - il punto abarico - a gravità zero, dove l’attrazione della terra e della luna si annullano. Lì risiede il dubbio, che ci permette l’indagine, la quale, a sua volta, istrada verso il sé, verso un esserci nel mondo, un Dasein di heideggeriana memoria.

Queste poesie, divise in sezioni e precedute da brevi introduzioni in prosa lirica, toccano argomenti universali che ci accomunano tutti.

La morte, in primis. “Gli occhi di una lapide mettono sempre malinconia: non guardano più nessuno”, “il sangue resta tiepido dei tanti sogni interrotti.” Da una parte essa ci limita, dall’altra, come in Heidegger, ci rende più liberi, permettendo di ripensare la nostra vita e sceglierne una più autentica.

Altro tema è il rapporto filiale, inteso come distacco dal genitore defunto, memoria dolce inasprita dall’assenza, ma anche continuazione di sé nei figli, progetto. Ma i figli, scopriamo, sono altro da noi, sono alterità e futuro, pur portandosi dietro i geni e il ricordo delle generazioni passate. Un ulteriore motivo è la nostalgia di tutto ciò che era e che non torna.

“Nei tuoi occhi

i resti di una assenza

che tu ignori e

io non perdono

-non l’ho pianta né sepolta

È lì in una leggenda

E annotta oltre le mie croci.”

Grande spazio è dato alla poesia stessa, all’atto del poetare vissuto come imprescindibile, come sfogo ma anche ricerca, genesi difficile di ogni parola: distillata, irrinunciabile, capace d’incarnare un singolo pensiero e solo quello.

“- Non serve lavorare in sottrazione –

incedono chiari i versi

si prendono per mano

le parole esatte”

“bisognerà che scavi

nelle consonanti

tra le vocali

associare al suono

odori canto immagini”

Ma la parola è comunque insufficiente (“parola che non sani”).

Le poesie nascono da riflessioni, osservazioni, quadri, accadimenti: una vita che si spezza, un funerale, una bambina che non ha conosciuto il nonno, un giorno in ospedale, lo sbarco dei migranti a Lampedusa, un cane morente, una rimpatriata con i compagni di scuola. Eventi spiccioli che diventano ispirazione poetica per un animo sensibile. La Caccia non si accontenta di viverli, ma vuole analizzare le emozioni che essi suscitano, esperirle, ricrearle con fine gnoseologico. Le poesie arginano l’emozione, la incanalano, fenomenologicamente avvalorano l’esistente perché sono scorciatoie intuitive.

Uno solo

il vocabolo giusto che

aderisce all’attimo

e trova il bandolo

di un groviglio lanoso

in petto”

Una parte non minore ha la ricerca religiosa, il bisogno di superare la morte nella fede.

C’è poi una storia antica che parla di vita oltre, di resurrezione, di eternità. Racconta che nessuno riposa nella morte, ma procede imperterrito nel suo slancio vitale, più vivo che mai. A volte questa è la risposta più adeguata.”

Concludiamo riportando una poesia, semplice e molto bella, dove l’autrice, più che trasfigurare gli eventi, è capace, attraverso la sua sensibilità, di coglierne l’aspetto poetico e la non scontata commozione.

Per i tuoi occhi

Resisti Nina

resisti da sola

così curva

in questa pozza di dolore

ci fosse un dio dei cani…

Non ho parole sacre

per i tuoi occhi

stelle senza capanna

sullo stesso meridiano dell’umano:

privilegio di chi vive

è la morte!

Laghi castani

appannati da un fondale

che la sabbia sconvolge

atolli

dove il mio amarti

ha perso le chiavi

Mostra altro