Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
signoradeifiltri.blog (not only book reviews)

Karl Marx recensisce Dark Shadows di Tim Burton

11 Aprile 2017 , Scritto da Umberto Bieco Con tag #umberto bieco, #le prese per il deretano di umberto bieco, #cinema

 

 

“For some blood means a life of wealth and privilege, for others a life of servitude.

(Barnabas Collins)

 

Barnabas Collins (Johnny Depp) è un conservatore, un succhiasangue vetero-capitalista affermatosi durante la rivoluzione industriale inglese, costretto ad essere eternamente assetato di profitto a causa della maledizione inflittagli da una tizia con la brutta faccia di Eva Green, nel ruolo di Angelique Brochard, domestica respinta, che rappresenta il tormentoso pungolo dell'economia capitalista, l'economia capitalista stessa, nonché i conflitti inter - e intra- classisti. Barnabas, infatti, in quanto sfruttatore, vive del sangue degli operai, che ammazza e drena non appena affrancato dalla prigionia della bara in cui è costretto da un paio di centinaia d'anni, e, in quanto conservatore, disidrata di plasma ed emoglobina gli hippie rincoglioniti che sognano un mondo differente, basato su pace e su amore. Pace e amore che, incarnati nell'oggetto del suo più puro desiderio, Barnabas ha perso proprio a causa della persecuzione inflittagli da Angelique: la domestica, in realtà una strega, nel prologo si vendica del rifiuto ipnotizzando la di lui amata, e inducendola a gettarsi dalla scogliera.

Il personaggio di Eva Green, che ritroviamo negli anni settanta (del 20° secolo), è un simbolo inconscio polivalente che rappresenta ulteriori due questioni psico-economico-sociali: nel prologo, le classi subordinate rigettate dal benessere elitario, che cercano vendetta, quindi la cattiva coscienza di Barnabas, nonché, nella contemporaneità, la rivalsa femminista contro la discriminazione sessuale – la conquista di nuovi ruoli sociali per la donna. La lotta di Collins contro Angelique è scontro intra-borghese, nel momento in cui lei diventa suo rivale sul mercato, tentando di conquistarlo, ma anche nostalgia conservatrice di un mondo in cui la donna non intraprendeva, e l'uomo dominava – l'era patriarcale. Nel complesso emerge la lucida consapevolezza politica di Burton, che condanna e fa condannare dalla storia lo stesso protagonista del film, nonché la sua finta nemesi - in realtà a lui affine. Difatti "ora gli mostrerò quel che siamo veramente", è ciò che esclama trasparentemente Birbaba, accingendosi a rivelare la propria vampiritudine assieme alla natura stregonesca di Angelique. Ed è lui stesso che riconosce la propria ipocrisia e crudeltà, menzionando le stragi operaie e controculturali da lui commesse, e analizza come ciò sia ineluttabilmente legato al rapporto con la sua amante e torturatrice. E comprende come l'unica soluzione possibile sia la distruzione di questo rapporto, e la creazione di uno nuovo - basato sull'amore - per transitare dal capitalismo al comunismo - nonché per distruggere le lunghe ombre oscure che infestano la dimora della famiglia borghese e i suoi sanguinari e cinici segreti - frutto marcio della falsa coscienza.


Uno spettro si aggira per il mondo, terrorizzando l'orrore capitalistico. E' lo spettro di Tim Burton.

 

Karl Marx und Friedrich Engels

articolo tratto da Das Kapital KinoRezension (edizione del maggio 2012)



 

 

Karl Marx reviews Tim Burton's Dark Shadows

 

“For some blood means a life of wealth and privilege, for others a life of servitude.

(Barnabas Collins)

 

Barnabas Coffins (Johnny Depp) is an oldcon, a veteran capitalistic bloodsucker which established himself during the English industrial revolution, compelled to be eternally profit-thirsty due to the curse inflicted on him by a gal with Eva Green's ugly face, Angelique Brochard, representing the tormenting goad of capitalistic economy, capitalism itself, as well as the clashes among and inside the social classes. Barnabas, in fact, being an exploiter, lives by the workers' blood, which he kills and drains as soon as he is enfranchised from the prison of the casket, and, being a conservative, he dehydrates of their plasm and hemoglobin the idiotic hippies dreaming of a different world, built on peace and on love. Peace and love which, incarnated in the object of his most pure desire, Barnabas lost precisely because of the persecution Angelique inflicted upon him: the maid, in truth a witch, in the proloque takes revenge for the rejection by hypnotizing Barnabas's loved one, and inducing her to jump from a cliff.

Eva Green's character, which we find again in the seventies (of the 20th century), is an unconscious and polyvalent symbol representing another two psycho-socio-economical issues: in the prologue, the subordinated classes rejected by the elitarian welfare and wealth, seeking revenge, therefore Barnabas's bad conscience, and, in addition, in the contemporary world, a feminist fight against sexual discrimination – the conquest of new social roles for women. Coffins's fight against Angelique is an intra-bourgeois clash, since she becomes a rival on the market, but also the conservative ache for a time when women didn't take up a career – a homesickness for the totally male-dominated patriarcal era. Overall, we see the emerging of Burton's clear headed political awareness, which condemns and makes history condemn the very protagonist of the movie, as well as his false nemesis – in reality, as a matter of fact, akin to him. Sure enough “now I will show them what we really are” is what Barnaby transparently exclaims, preparing to reveal to the public his vampiresque attitude and the witchy nature of bitchy Angelique. And it's he himself who recognizes his own hypocrisy and cruelty, mentioning the workers' killing and the countercultural slaughter that he commited, and analyzes how this is inevitably connected to his relationship with his lover and torturer. And he realizes that the only possible solution is the destruction of this relationship, and the creation of a new one – based on love – in order to transit from capitalism to communism as well as destroying the long, Dark Shadows which haunt the bourgeois family's abode and its sanguinary and cynical secrets – false conscience's festering fruits.

A ghost wanders about the world, terrorizing the capitalistic horror. It's the ghost of Tim Burton.

 

Karl Marx & Friedrich Engels

taken from Das Kapital KinoRezension (may 2012 issue)

 

Condividi post

Repost 0

Commenta il post